Dicembre 3, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il Museo Quai Branly deposita opere d’arte dal Benin

Pubblicato in:

Dopo anni di polemiche, la promessa di Emmanuel Macron di restituire al Benin 26 opere d’arte saccheggiate dal colonialismo francese sta per realizzarsi. Il presidente francese dovrebbe arrivare mercoledì al Quai Branly Museum per partecipare a una festa che si terrà per l’occasione. Questa è l’ultima volta, in Francia da 130 anni, che questi pezzi sono stati mostrati a Parigi prima di essere finalmente restituiti al loro paese di origine.

Epiphane-Basile Migan non poteva più resistere mentre aspettava questo momento. Il visitatore ruota attorno alle opere d’arte esposte per l’ultima volta in Francia, Al Museo Quai Branly, prima del loro viaggio a benigno A novembre.

Davanti a lui c’è la statua reale chiamata “Buchu”, metà uomo e metà squalo, del re Bhanzin, l’ultimo re Abomey, che fu catturato dai francesi nel 1894 e mandato con la forza in esilio in Martinica. Le ventisei opere in mostra facevano parte del tesoro di questo re, prese durante la guerra dal generale Dodds che era al comando durante l’invasione coloniale francese del Regno del Dahomey (l’attuale Benin) nel 1892. “Sono pezzi unici nel mondo., di valore inestimabile”, ripete Épiphane-Basile Migan, prima di fotografare la statua del re Béhanzin da tutte le angolazioni, come se non mancasse una sola briciola. “Ti rendi conto, abbiamo fatto cose del genere nel 19° secolo. L’Africa aveva una grande cultura. Nessuna civiltà al mondo l’aveva fatto prima.”

Epiphane-Basile Migan è venuta ad ammirare per la prima volta 26 opere d’arte del Benin prima di partire per il Benin, il 26 ottobre al Quai Branly Museum di Parigi. © Francia 24

Questo medico del Benin, che vive a Parigi da 24 anni, dice di non aver mai avuto la possibilità, fino ad ora, di vedere questi pezzi tornare in Benin il 10 novembre. Alcuni, in particolare le incisioni antropomorfe che rappresentano i re Abomi, hanno da allora La promessa fatta da Emmanuel Macron a Ouagadougou nel 2017, un posto di rilievo nel Museo Quai Branly, domina la piattaforma di raccolta del museo.

Riconoscendo la dimensione storica del momento – uno dei primi ritorni della Francia per le merci saccheggiate dai suoi soldati durante le guerre coloniali – Epivan Basile Megan tornerà questa settimana per mostrare la “grandezza del regno di Abomey” al loro paese. figli. Nel suo prossimo viaggio rivedrà anche l’azienda in Benin.

“Non un addio, ma un arrivederci”

Tra pochi mesi questi oggetti dal fortissimo valore storico, simbolico e protettivo per il popolo del Benin saranno esposti al Palazzo Presidenziale della Repubblica del Benin, a Cotonou, e poi a Ouida nel 2022, prima di unirsi al futuro . Museo Dabomi nel 2024, i cui lavori non sono ancora terminati.

“Non è un addio, è solo un addio”, riassume Gael Pogon, direttore delle collezioni africane del Musée Quai Branly. I team congiunti del Museo parigino e dei curatori beninesi di Ouidah e Abomey hanno lavorato fianco a fianco per migliorare questi preparativi e la gestione molto attenta di queste opere.

“Sono stato commosso nel vedere questi oggetti ben conservati che torneranno presto da noi”, ha affermato Abdullah Emuro, curatore del sito dei palazzi reali di Abomey. Quando la mostra. Va detto che l’attesa è stata lunga. Il Benin ha presentato una richiesta ufficiale per ripristinare queste opere nel 2016. Dopo anni di discussioni, il Parlamento francese vota solo nel 2020. Una legge che autorizza la Francia a restituire questo bottino di guerra.

Spiegazione del processo di restituzione per il visitatore

La mostra mostra l’intero processo, in particolare attraverso una linea temporale. Il futuro degli affari in Benin occupa un posto di rilievo anche nella scenografia, che rievoca anche, attraverso un videoclip, le circostanze del saccheggio del tesoro di Abomey, almeno per quanto ne sappiamo. “Ancora oggi, non sappiamo esattamente come queste cose – alcune cose grandi – siano state trasmesse. Abbiamo pochissime registrazioni di ciò che è accaduto e abbiamo cercato di tracciare la storia sfogliando corrispondenza e testimonianze militari…”, spiega Gael bogiano.

Dice che lo stato francese non ha mai chiesto il bottino di guerra per questo conflitto. Ma questa pratica era in vigore all’epoca, “su iniziativa degli ufficiali o sottufficiali presenti, ma forse con il permesso del generale Dodds”, continua lo specialista, lamentando che parti di questo tesoro fossero indubbiamente evaporate in natura.

Questa indagine scientifica volta a determinare la fonte e la data dei pezzi non è un dettaglio, perché la Francia può restituire un’opera d’arte al paese che la richiede solo se queste analisi mostrano che l’opera è stata rubata, saccheggiata o sottratta. Per Calixte Biya, curatore del Museo storico di Ouidah, che ospiterà 26 oggetti nel 2022, “Sarebbe bello se altri paesi che trasportano oggetti africani seguissero l’esempio della Francia”.

Secondo alcuni specialisti, oggi quasi il 90% del patrimonio africano si trova ancora al di fuori del continente.

READ  buone notizie