Dicembre 3, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il drone, lo strumento del futuro per contrastarne la diffusione

I droni potrebbero diventare uno strumento promettente nella lotta contro la zanzara tigre, secondo uno studio pubblicato martedì da ricercatori francesi.

Ricercatori francesi hanno affermato martedì che i droni potrebbero, nel giro di pochi anni, integrarsi nell’arsenale della lotta contro la zanzara tigre, una specie invasiva apparsa sulla Francia continentale circa quindici anni fa, rivelando i risultati di un esperimento condotto a Montpellier.

La zanzara tigre, Aedes albopictus, ora rilevata in 65 dipartimenti francesi, cresce all’80% negli individui, principalmente nelle acque stagnanti dei giardini. Risulta essere molto più dannoso perché morde costantemente durante il giorno e può trasmettere malattie virali come dengue, chikungunya o Zika se ha precedentemente morso un paziente.

Pertanto, la prima misura preventiva contro questo insetto, la cui riproduzione è preferita dalle alte temperature, è svuotare e capovolgere sistematicamente contenitori che possono contenere acqua, come un semplice posacenere.

Ma negli ultimi anni sono emersi ulteriori metodi, tra cui la cosiddetta “tecnica dell’insetto sterile” (TIS), che consiste nell’allevare le zanzare maschi in laboratorio, sterilizzarle e poi rilasciarle nel campo, dove vengono sterilizzate le femmine selvatiche. che non avrà figli.

Esperienze all’Hérault

Gli specialisti del “controllo delle zanzare” di EID-Méditerranée, una società pubblica con sede a Montpellier, hanno avuto l’idea di aggiornare l’attrezzatura con un drone per un migliore dispiegamento.

Con il sostegno del CIRAD, ente di ricerca agricola, nei mesi di luglio e agosto hanno liberato circa 40.000 maschi sterili importati dall’Italia in una zona residenziale di Prades-le-Lez, una decina di chilometri a nord di Montpellier, con il consenso della popolazione e il Comune.

L’uso dei droni ha permesso di liberare più zanzare maschi ad un’altezza di 40 o 50 metri da terra, e ad una velocità maggiore rispetto ai metodi usuali. Inoltre, questi maschi sono generalmente ben distribuiti nella regione, ha spiegato Charles Jenin, entomologo medico presso EID Mediterranean, considerando questi risultati “molto incoraggianti”.

READ  Virus di 15.000 anni identificati in un ghiacciaio

Ma alla fine di questo esperimento, i ricercatori non hanno notato una diminuzione significativa della fertilità femminile. Quindi non c’è stata nemmeno una diminuzione della popolazione della zanzara tigre a Prades-le-Lies.

“Perché questo funzioni bene, sarà necessario rilasciare maschi sterili 10 volte più delle femmine selvatiche”, che in particolare richiede una produzione “industriale” di maschi, ha sottolineato il direttore generale della festa. Il Mediterraneo, Bruno Toure. Bruno Toure ha affermato che saranno necessari ulteriori studi e che il metodo che combina la tecnologia degli insetti sterili e l’uso dei droni non dovrebbe essere generalizzato per almeno cinque anni.