Dicembre 2, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il capo del sindacato infermieristico ha gridato di fronte alla carenza di carburante

Sabato su BFMTV, Christophe Meneghetti, presidente del sindacato infermieristico URPS Île-de-France, ha chiesto in particolare l’acquisizione di diverse stazioni di servizio da parte del Dipartimento del personale sanitario, in particolare delle libere professioni.

“Viviamo in un momento di tremenda tensione: gli infermieri liberali sono esausti, disperati, depressi”. L’ospite di BFMTV di sabato, Christophe Meneghetti, presidente del sindacato infermieristico URPS Île-de-France, ha messo in guardia sulle condizioni di lavoro dei caregiver liberali, gravemente colpiti dalla carenza di carburante.

Quest’ultimo “dovrebbe fornire assistenza a casa, e se i pazienti non vengono curati, ci sono dei rischi”. “Chiudere le raffinerie è insopportabile per noi, non possiamo lavorare. È terrificante per me, ci prendiamo cura della salute delle persone”, ha protestato all’antenna.

Stazioni di servizio di riserva per gli operatori sanitari

Il capo dell’Urp Île-de-France ha consigliato ai suoi colleghi di “rimuovere la mazza” dal loro veicolo, “perché i carri armati sono stati dirottati” e alcuni operatori sanitari “sono sotto attacco e minacciati”.

Per aggirare il problema, Christophe Meneghetti sfida il governo e propone di chiudere “da quattro a cinque ‘stazioni di servizio’ per dipartimento, chiudendole al pubblico e riservandole agli ‘operatori sanitari’”. “Non possiamo mandare le persone in ospedale , l’ospedale è pieno. Cosa stiamo aspettando, forse ci sono morti?” Ha attaccato, affermando che la priorità di accesso ai distributori di benzina era un “bordello senza nome”.

Ha concluso che “il diritto di sciopero è un diritto costituzionale, ma esiste anche il diritto al benessere”.