Febbraio 25, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il 1° gennaio i fast food dovranno passare ai piatti riutilizzabili… ma chi sarà pronto?

Il 1° gennaio i fast food dovranno passare ai piatti riutilizzabili… ma chi sarà pronto?

Il design è universalmente lo stesso, e rimaniamo sul caratteristico colore rosso dell’insegna… Devi prendere in mano un cono di patatine fritte Mc Donald’s per misurare il resto. Esci dal cartone. La confezione ora è di plastica. ” il Tritanoha detto un portavoce di McDonald’s. Derivato dalla plastica, è molto resistente e resiste a ripetuti lavaggi. »

Questo stesso materiale è utilizzato per gli altri contenitori trovati sui vassoi di McDonald’s a Levallois (Hauts-de-Seine). Dalle patatine fritte alle bevande comprese insalate e semifreddi. Solo gli hamburger sono un’eccezione. “Per motivi di sicurezza alimentare e manipolazione, è ancora consentito avvolgerlo in carta alimentare”, ha affermato lo stesso portavoce di McDonald’s.

180.000 tonnellate di rifiuti annuali di fast food

Questo ristorante non è unico. Altri ancora tra i 1530 realizzati dal marchio in Francia hanno già apportato le stesse modifiche. Lo faranno tutti entro il 1 gennaio? Legge sul controllo dei rifiuti per l’economia circolare (Agec), adottato nel 2020, lo richiede. Dal 2023, i pasti consumati in loco nei ristoranti con più di due dozzine di porzioni devono essere serviti su piatti riutilizzabili. Questa misura vale per tutti i ristoranti, dalla mensa scolastica alla brasserie. “Ma la sfida è soprattutto per i ristoranti fast food il cui passaggio a stoviglie riutilizzabili sta mettendo in discussione il loro modello economico”, afferma Diane Bominay Jouette, Lobby Manager presso Fondazione Surfrider Europa.

Il settore è un importante generatore di rifiuti. Le ONG tra cui Surfrider hanno spiegato di “servire circa 6 miliardi di pasti all’anno, in circa 30.000 punti vendita in tutto il Paese, generando 180.000 tonnellate di rifiuti all’anno, il 55% dei quali è destinato al consumo in loco”. Giornale della domenica4 dicembre.

READ  Nel 2022 Percy intende recuperare la cifra record di 14,6 miliardi di euro

Il trasferimento non inizierà il 1° gennaio. Negli ultimi anni, i ristoranti fast food hanno dovuto separare i propri rifiuti interni. O addirittura regalare della plastica monouso ccome paglia. Passare alle posate riutilizzabili è un altro passo, ma questa volta un po’ più complicato. “La sfida è enorme”, afferma Zlat Muriel Reese, direttore delle comunicazioni di Burger King. Come McDonald’s, la catena afferma di lavorarci da tre anni e, dopo diversi test, ha optato anche per contenitori in plastica rinforzata*. In Tritan e dentro Polipropilene dice Muriel Reese.

Come McDonald’s, Burger King utilizza contenitori di plastica rinforzata per conformarsi ad Agec. – © Matthew Engelin / Burger King

Raccogli i piatti dopo il pasto

Ma la scelta dei materiali potrebbe essere stata più semplice. La sfida più difficile è riuscire a risparmiare spazio in cucina per inserirci lavatrice e asciugatrice. “Non è facile, soprattutto nei ristoranti situati nel cuore della città, che a volte sono angusti, scivola un portavoce di McDonald’s. Riorganizzare queste cucine e talvolta arrivare a richiedere i permessi per l’ampliamento rappresenta un investimento molto più grande rispetto all’acquisto di piatti riutilizzabili .”

E poi perché il nuovo sistema funzioni, i ristoranti devono ancora poter ritirare i piatti a fine pasto? Questo può sembrare banale, ma Steve Protein, di Il primo asse**, una delle aziende che sostiene i ristoranti in questa transizione verso le posate riutilizzabili, sta facendo di questo un problema critico. “Tra la parte che viene gettata accidentalmente nella spazzatura e quella che semplicemente scompare, le perdite possono essere significative per il ristorante”, osserva. “Fino a 3.000 euro al mese per alcuni. Muriel Reese conferma la puntata. “In dice Direttore della comunicazione di Burger King.Ristoranti sperimentali in cui abbiamo equipaggiato gli utensili con il chip RFID, abbiamo registrato perdite significative nei primi due mesi”. è spesso necessario fornire rinforzi al personale di sala, almeno nei primi mesi”, come notiamo da Mc Donald’s.

READ  Un supermarché supprime la data di consumazione su 500 prodotti

Piccoli segnali pronti per il 1° gennaio?

Resta da vedere se il fast food sarà pronto il 1 gennaio? “90%, sì”, ci risponde McDonald’s, spiegando che il restante 10% sono principalmente ristoranti nel cuore della città o situati nelle stazioni e nei centri commerciali. Dove il passaggio alle posate riutilizzabili è più complicato è gestirlo. Per Burger King, Muriel Reese afferma che dei suoi 470 ristoranti, una cinquantina saranno in calo entro la fine dell’anno e “che la distribuzione sarà massiccia nei primi mesi dell’anno, con speranze del ‘100% entro la fine del primo quarto’.”

Questo per quanto riguarda questi due pesi massimi del fast food in Francia. Se non erano sulle unghie il 1 gennaio, avevano comunque un aspetto migliore della maggior parte. Steve Protein sottolinea: “Molti marchi erano in ritardo, in particolare quando hanno appreso, con un mese di anticipo, che il governo non aveva intenzione di ritardare l’azione. Quindi il contesto internazionale è teso. Non è sufficiente richiedere queste posate riutilizzabili, i produttori deve anche essere incapace di produrli. L’esperto di Hub One si aspetta dei ritardi”. queste catene, pensò. Sarà più complicato per i fast food di medie e piccole dimensioni che non hanno gli stessi fondamentali finanziari. »

Le ONG stanno facendo pressioni

Le ONG più pessimiste. Quindi, inoltre, questa piattaforma in Dinaro Per chiedere il rispetto della legge. “Se il governo è volontario, non annuncia ancora molti controlli”, esordisce Diane Bominay Joanette. Marchi collaterali, a parte Mc Donald’s, pochissimi ne hanno comunicato. La paura poi è di ripetere gli stessi errori che capitano nella raccolta differenziata”. Abbiamo dovuto aspettare molti anni e Avvisi di cittadini e ONG Fino a quando il fast food finalmente entra in azione “, ricorda il responsabile della lobby a Surfrider. “Abbiamo avuto alcuni mesi, controlleremo i ristoranti”, avverte, che è un modo per dire che la ONG non ha intenzione di lasciar andare della pressione.

READ  Borsa - Azioni da seguire a Parigi e in Europa (Aggiornato) - 27/12/2022 08:47

Il punto positivo rimane lo stesso per Diane Pominay-Jouniet: “Questo caso di riassunzione parla più ai francesi rispetto a cinque anni fa”. Questa è anche l’opinione di Steve Protein. Di conseguenza, i marchi stessi sono più sensibili ad esso. “Alcuni stanno già iniziando a prepararsi per il prossimo passo”, dice. Oppure passa a piatti riutilizzabili, compresi i pasti serviti all’aperto. Verremo lì. Forse più intorno al 2025. “Ogni cosa è a suo tempo”, dicono al Burger King.