Dicembre 9, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Iga Swiatek domina Ons Jabeur e vince gli US Open, il suo secondo major quest’anno

Dimenticavamo l’estate in via di estinzione di Ega Swatik (terzo round a Wimbledon, Toronto e Cincinnati). Perché in finale non perde la pole, è così. Non è stato Anas Jaber a minare questa statistica (10 vittorie in 10 finali). Spesso in difficoltà a questo US Open, la numero uno del mondo è riuscita ad alzare il suo profilo in questa finale vincendo il suo terzo major all’età di 21 anni, il suo primo campo in terra battuta dopo Rolling Garros (2020 e 2022).

Il capo del circolo ha soffocato un avversario che tuttavia aveva argomenti per destabilizzarlo. Aggressiva e in campo il più rapidamente possibile, Swiatek ha impressionato soprattutto per la perfezione del suo passaggio tra tiri offensivi e difensivi. Tanto che questi ultimi, se non vincitori, gli permisero subito di riaffermarsi in borsa.

Date le circostanze, Ons Jabeur non è stato in grado di scuoterlo in modo permanente. Perfetto sul gioco di gambe, Swiatek si impegna sui lanci bassi e senza l’effetto Jabeur. Al contrario, il suo giroscopio ha infastidito molto il tunisino, che non si sentiva a suo agio fintanto che si doveva colpire sopra le cosce.

Jaber salta l’inizio della partita

Nervosa, la tunisina sbaglia l’avvio e Swiatek si precipita in rete per il 3-0. Immediatamente è stata lei a dettare il ritmo degli scambi. Con abbastanza tempo per preparare i suoi attacchi, ha trovato le aree che infastidiscono Jaber. Quest’ultimo si ribellò per cancellare un break e rimontò 3-2, ma fu solo un fuoco di paglia. Senza difficoltà, Swiatek ha completato il primo set in mezz’ora.

READ  NBA - Andrew Wiggins, una trasformazione che cambia tutto per la faccia dei Golden State Warriors a Boston

Il secondo set sembrava una copia carbone del primo set, con Swiatek che ancora una volta ha eliminato 3-0. Ma forse la giocatrice polacca si è innervosita, forse è rimasta bloccata nelle scommesse e la sua palla all’improvviso è uscita meno bene dalla racchetta. Jaber ha colto l’occasione per rimettersi in gioco. E come! Ho rotto e sono tornato sul 4-4. Le dinamiche dell’incontro con Jaber d’iniziativa sono cambiate e Swiatek ha dovuto essere molto solido in difesa per restare in contatto.

Swiatek è timido, Jabir thar

E ha dato l’esempio nella nona partita, durata più di otto minuti, salvando tre break point. Jaber ha sicuramente commesso tre falli con questi palloni, ma la difesa di Swiatek ha avuto qualcosa a che fare con questo. Quasi controcorrente, la testa di serie in testa ha ottenuto il primo match point, ma il suo rovescio è andato fuori limite. Avrebbe dovuto superare un tie break.

Come il gruppo, Jaber era il più audace, ma anche il meno sottile. Nonostante avesse fatto una breve pausa per entrare, due grossi errori hanno permesso ai polacchi di tornare in vantaggio (2-1). Jaber non si è arreso ed è tornato ad attaccare il timidissimo Swiatek. È persino passata davanti (5-4) dopo un nuovo fallo di rovescio dell’avversario. Ma al colpo successivo, il polacco ha sferrato un impressionante dritto lungo la linea. Gli ultimi due punti sono stati coronati da errori di Jabeur che non è riuscito a impedire a Swiatek di celebrare il suo terzo titolo del Grande Slam.

READ  Paris Saint-Germain: una difesa preoccupante