Dicembre 9, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I ricercatori propongono colonne di raffreddamento spruzzando sostanze chimiche su aerei militari

⇧ [VIDÉO] Potrebbe piacerti anche questo contenuto del partner (dopo la pubblicità)

I poli si stanno riscaldando molto più velocemente della media globale, provocando ondate di calore senza precedenti e uno scioglimento accelerato dei ghiacciai. Sapere come rallentare il riscaldamento globale è diventata una richiesta per molti ricercatori. Recentemente, alcuni ritengono che l’iniezione di aerosol (anidride solforosa) per convertire una parte dell’energia solare, ad altitudini molto elevate, possa essere efficace nel raffreddamento dei poli. Ma tale intervento sul clima comporta costi e rischi notevolmente maggiori per la sicurezza globale.

Un’iniezione di aerosol stratosferico è un potenziale intervento sul clima volto ad abbassare le temperature medie della superficie terrestre deviando una porzione molto piccola della luce solare in arrivo dalla Terra. Questa iniezione è un intervento sul clima controverso e non testato che può portare a effetti indesiderati e non viene offerto come sostituto della riduzione o dell’adattamento delle emissioni.

Tuttavia, è noto da tempo che iniezioni di aerosol simili provenienti da grandi eruzioni vulcaniche riducono significativamente le temperature superficiali, anche a grandi distanze dalla sorgente, come è avvenuto dopo l’eruzione del Monte Pinatubo nel 1991. C’è anche una crescente fiducia nella diffusione di queste iniezioni saranno fattibili in volo e straordinariamente economiche, rispetto ad altre misure lungimiranti Per combattere il cambiamento climatico o i suoi effetti.

Tuttavia, esistono limiti pratici all’altezza alla quale gli aerosol possono essere dispersi Atmosfera. Di recente, un team di ricercatori guidato da Wake Smith dell’Università di Yale, ha valutato la sicurezza e l’economicità di un’installazione a un’altitudine di 25 chilometri, che sarebbe la più efficace, ma anche un’altitudine alla quale aumentano i costi e i rischi. Il loro studio è stato pubblicato sulla rivista Comunicazioni di ricerca ambientale.

Conclusioni dopo una serie di studi su larga scala

Infatti, a seguito di uno studio del 2018 che ha delineato le tecniche con cui potrebbe essere eseguita la geoingegneria solare, questo nuovo lavoro risponde direttamente a una domanda posta dall’Accademia nazionale delle scienze, dell’ingegneria e della medicina in uno studio fondamentale nel marzo 2021, che ha riconosciuto la necessità di ulteriori ricerche sulla fattibilità della deposizione di aerosol Altitudine atmosferica superiore a 20 km. In effetti, studi precedenti hanno indicato che la propagazione di aerosol stratosferici a un’altitudine di 25 chilometri sarebbe più efficiente di 20 chilometri, spingendo i modellatori climatici a incorporare generalmente dispiegamenti così grandi nei loro studi.

READ  Sta peggiorando per le CPU AMD Ryzen

secondo Articolo – Merce pubblicato in Pubblicazione IOPIn un’appendice a questo articolo, l’autore principale dello studio Wick Smith afferma: C’è un tetto nel cielo al di sopra del quale gli aerei convenzionali non possono operare e l’altitudine di 25 km è molto più alta di quel limite. Va notato che aerei e aerei da guerra navigano regolarmente a un’altitudine di circa 10 km, mentre 20 km è la gamma di aerei spia e droni.È facile capire che centinaia di migliaia di voli annuali di dispiegamento di geoingegneria solare sono pianificati ad altitudini inaccessibili Anche un aereo spia d’élite deve superare molti ostacoli.

Secondo il piano esposto nel loro lavoro, gli autori hanno spiegato che una flotta di 125 vettori aerei militari rilascerebbe una nuvola di particelle microscopiche da diossido di zolfo Ad un’altitudine di 13 km ea latitudini di 60 gradi nord e sud, approssimativamente tra Anchorage e la punta meridionale della Patagonia. Questi aerosol andranno lentamente alla deriva verso il polo, ombreggiando leggermente la superficie al di sotto.

Concretamente, l’iniezione di particelle (necessari 13 milioni di tonnellate) sarà effettuata stagionalmente durante le lunghe giornate della primavera locale e dell’inizio dell’estate. La stessa flotta di aerei può servire entrambi gli emisferi.

Tuttavia, le petroliere militari preesistenti come le vecchie KC-135 e A330 MMRT non hanno un carico utile sufficiente alle altitudini richieste, mentre le petroliere d’alta quota di nuova concezione si dimostreranno più efficienti. Gli autori dello studio stimano che una flotta di circa 125 velivoli di questo tipo potrebbe trasportare un carico utile sufficiente per raffreddare le regioni polari di 2°C all’anno, portandole vicino alle temperature medie preindustriali.

READ  Lo strumento beneficia di un piccolo extra che lo rende pratico

I costi sono stimati in 11 miliardi di dollari all’anno, meno di un terzo del costo del raffreddamento dell’intero pianeta allo stesso volume di 2°C e una frazione del costo per ottenere emissioni nette zero.

Wake Smith avverte che il piano affronterà un importante sintomo del cambiamento climatico, ma non la causa. menzionato in elogio Per l’articolo originale: È aspirina, non penicillina. Non è un sostituto della decarbonizzazione […]. La nostra scoperta dovrebbe cambiare il modo in cui i modelli di intervento sul clima vengono gestiti a livello globale e mostra che i limiti pratici devono essere soppesati rispetto all’efficienza radiativa nella progettazione dei programmi di geoingegneria solare. ».

Polemica sul clima

Questo piano è stato discusso tra gli studiosi. Infatti, in un’intervista rilasciata a Notizie del cielol’autore principale ha ritenuto che causando un vero rallentamento ghiaccio che si scioglie E il riscaldamento globale richiederebbe circa 175.000 voli spia e droni ad alta quota ogni anno.

Tuttavia, questi stessi getti rilasciano grandi quantità di anidride carbonica nell’atmosfera, provocando un’esplosione effetti dei gas serra Ad altitudini dove la loro presenza è più dannosa per il clima. Wake Smith sottolinea: Ci sono preoccupazioni diffuse e ragionevoli sull’impiego di aerosol per raffreddare il pianeta, ma se l’equazione rischio/beneficio dovesse dare i suoi frutti, sarebbe ai poli. ».

Tuttavia, il raffreddamento ai poli fornirebbe solo una protezione diretta per una piccola parte del pianeta, anche se alle medie latitudini vedrebbero anche qualche calo di temperatura.

Nonostante queste obiezioni, gli autori sostengono che poiché meno dell’1% della popolazione mondiale vive nelle aree di diffusione obiettivo, la diffusione polare rappresenterebbe un rischio immediato molto inferiore per la maggior parte dell’umanità rispetto a un programma globale. In altre parole, i vantaggi globali superano gli svantaggi locali. Wake Smith conclude: Qualsiasi rotazione deliberata del termostato globale sarebbe di interesse comune per tutta l’umanità. ».

READ  Prova Realme GT 2 Pro : uno smartphone che ti aspetta sulle terres du haut de gamme

Infine, il presente studio è solo un primo passo verso la comprensione dei costi, dei benefici e dei rischi di condurre un intervento sul clima a latitudini più elevate. Questo dà ulteriore motivo di ritenere che tali strumenti potrebbero essere utili per mantenere la criosfera vicino ai poli e per rallentare l’innalzamento del livello del mare a livello globale.

fonte : Comunicazioni di ricerca ambientale