Dicembre 5, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I messaggi si moltiplicano e mi preoccupano CNEWS

Attualmente, sui social network stanno circolando diversi video di ragazze che incoraggiano a indossare l’hijab nelle scuole o offrono tecniche per mascherare i loro abiti religiosi nel loro istituto. La mossa arriva quando l’educazione civica afferma di “osservare da vicino” gli attacchi al secolarismo.

messaggi politici. Decine di video stanno circolando sui social network, dove ragazze adolescenti raccontano come sono riuscite ad entrare nella loro scuola indossando l’hijab o gli abiti tradizionali religiosi.

Su TikTok molte ragazze in abaya (ndr) spiegano come andare al liceo con questa giacca. Uno ha detto: “Basta indossare i lacci delle scarpe o la cintura, con i pantaloni sotto per coprire le gambe, così non ti chiedono di toglierti l’abaya”, ha detto uno, mentre un altro video clip mostra due ragazze (una con il turbante e il altri un velo pieno) che si filmano in classe, con una didascalia, con il messaggio: “Abbiamo deciso di ribellarci e di mettere in riga il velo”.

Di fronte a questa abbondanza di messaggi di natura religiosa e politica, il ministro dell’Istruzione nazionale Bab Ndiaye ha confermato questo venerdì di essere “attento a tutte le manifestazioni ea tutte le segnalazioni che possono essere presentate, sia sui social network che nelle scuole. Per quanto riguarda le violazioni . Da Secolare».

Due note dei servizi statali

Questo fenomeno è stato anche oggetto di due note dei dipartimenti di Stato. Il primo, del Comitato Ministeriale per la Prevenzione della Deviazione e dell’Estremismo (CIPDR), del 27 agosto e il cui contenuto è stato dettagliato da EsprimereIl direttore ha fatto riferimento all’attuazione delle strategie del movimento islamico per convincere i giovani a indossare il velo “legittimo”.

Questo memorandum specificava anche che questi incitamenti sono legati alla preghiera. Così, sui social network, alcuni si spingono fino a consigliare metodi per isolarsi nell’istituzione per amore della preghiera. Altri chiedono addirittura di lasciare la scuola al momento della preghiera, ritenendo che “la scuola non sia una scusa” per “togliersi il velo e ritardare la preghiera”.

L’escalation delle violazioni della laicità nelle scuole

La seconda nota, datata 16 settembre, passa in rassegna l’anno passato e fa un’importante conclusione. Secondo il documento, l’uso degli abiti tradizionali islamici (kami per gli uomini e abaya per le donne) è in aumento.

Questa nota era indirizzata ai sindaci, e quindi ai direttori di impresa. Perché, in alcuni casi, i docenti che hanno chiesto agli studenti di rispettare il principio di laicità trovano il loro nome sui social network. Un’azione già utilizzata, soprattutto durante Assassinio di Samuel Baty.

di recente, Un insegnante è stato minacciato a ParigiPerché ha chiesto a una liceale di togliersi il velo e di imporre la laicità imposta dalla scuola.

READ  Riconnessione della centrale nucleare di Zaporizhia alla rete elettrica ucraina