Luglio 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I diplomatici cinesi cercano di nascondere alle telecamere un giornalista arrestato in Cina

I diplomatici cinesi cercano di nascondere alle telecamere un giornalista arrestato in Cina

Qing Lei, detenuto in Cina da più di tre anni, lunedì era al Parlamento australiano per assistere alla visita del premier cinese. Il primo ministro australiano ha condannato il “tentativo un po’ maldestro” della delegazione diplomatica.

Un giornalista australiano si è lamentato del fatto che i diplomatici cinesi l’hanno deliberatamente nascosta alla vista durante la visita del premier Li Qiang a Canberra, un incidente per il quale martedì il governo australiano ha espresso preoccupazione. “preoccupazioni”.

Il giornalista australiano Qing Lei, detenuto in Cina per più di tre anni, lunedì era al Parlamento australiano per visitare la vicecomandante cinese, ma ha denunciato l’apparente manovra dei diplomatici cinesi per impedirle di apparire sullo “schermo” . “Hanno fatto del loro meglio per impedirmi di avvicinarmi alle telecamere e supervisionarmi”.ha detto a Sky News. “Penso che mi impedisca di dire o fare qualcosa che trovano riprovevole.” “Ma questo di per sé dà una cattiva immagine.”

“Tentativo totalmente goffo”

Si tratta della più alta visita di un funzionario cinese dal 2017. Il primo ministro Anthony Albanese ha dichiarato martedì che le autorità australiane… “Hanno contattato l’ambasciata cinese per esprimere le loro preoccupazioni”. Dopo questo incidente. “Quando guardi il filmato, francamente è un tentativo molto goffo da parte di alcune persone di mettersi tra le telecamere e il punto in cui era seduto Qing Li.”Lo ha detto alla televisione nazionale ABC. Ha aggiunto: “I funzionari australiani sono intervenuti, ove opportuno, per chiedere ai funzionari cinesi presenti alla conferenza stampa di agire”.

Il giornalista australiano Qing Lei, detenuto in Cina per più di tre anni, è stato rilasciato nell’ottobre 2023 ed è potuto tornare in Australia. L’ex conduttore dell’emittente pubblica cinese CGTN è stato processato a porte chiuse per questo fatto “Rivelare segreti di Stato all’estero”. Ha testimoniato delle dure condizioni e del duro trattamento che ha dovuto affrontare durante la detenzione. Questa questione ha avvelenato a lungo le relazioni tra i due paesi. Al termine della sua visita in Australia, Li Qiang ha affermato lunedì che le relazioni tra Canberra e Pechino sono buone “Sulla strada giusta, la strada del miglioramento e dello sviluppo continui.”.


” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >