Agosto 17, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I cibi sono meno nutrienti di prima? Cosa dovresti sapere

Scienza. Devi mangiare 10 pomodori per ottenere le sostanze nutritive equivalenti a un pomodoro degli anni ’50.” O ancora: “Le arance dei nostri nonni hanno un sapore migliore”. Questo tipo di dibattito viene regolarmente portato in tavola. Che cosa è veramente rilevatore di voci.

L’origine della voce

Uno studio appare spesso nelle discussioni sul valore nutrizionale degli alimenti oggi: il post Nel 2004 da tre ricercatori americani, in Giornale dell’American College of Nutrition. Ha confrontato l’assunzione alimentare di 43 frutta e verdura coltivate dal 1950 al 1999. È emerso che dei 13 nutrienti analizzati, circa la metà aveva visto un calo nell’attuale mezzo secolo.

Per la maggior parte delle verdure, il contenuto proteico è diminuito in media del 6%, mentre la vitamina B2, o riboflavina, è diminuita del 38%. Per i pomodori, c’è stata una diminuzione del 54% del calcio mentre gli altri nutrienti sono rimasti quasi gli stessi.

negativi

Prima di lanciare l’allarme, gli stessi tre autori hanno fornito alcune avvertenze, che restano in vigore 17 anni dopo. Innanzitutto, è molto difficile fare confronti affidabili tra i dati del 1950 e quelli attuali. 75 anni fa sono stati raccolti pochi dati e da allora i tipi di frutta e verdura sono cambiati molto. Quindi i pomodori dei nostri antenati non sono gli stessi che mangiamo oggi.

Invece, gli studi più conclusivi sono quelli che confrontano i semi dell’anno scorso con quelli che usiamo oggi, e li piantano fianco a fianco. Questo è quello che ha fatto una squadra americana nel 2000 con tanti Varietà di broccoli, proprio come la seconda squadra, nel 2006, con 14 tipi di chicchi di grano E la terza squadra nel 2006 con varietà di mais È stato coltivato tra il 1920 e il 2001.

READ  Scienza e diplomazia in Burkina Faso: “La scienza fornisce il quadro, la diplomazia fornisce i metodi”, afferma la dott.ssa Lassina Zerbo

Si scopre che non tutta la frutta e la verdura oggi sono uguali. Alcuni sono in realtà molto meno nutrienti di altri. Ad esempio, i broccoli venduti nei negozi di alimentari possono avere fino alla metà del contenuto di calcio e magnesio a seconda della varietà scelta.

Sono state avanzate almeno tre ragioni per spiegare questo divario nutrizionale.

1) Effetto di diluizione

La Rivoluzione Verde degli anni ’60 ha portato varietà più produttive sul mercato agricolo. Lo sviluppo di fertilizzanti chimici ha anche raddoppiato o addirittura aumentato la resa di verdure, frutta e cereali. Ha aiutato a nutrire più persone sul pianeta. Tuttavia, la qualità nutrizionale di questi alimenti non sembra seguire la stessa tendenza. Questo è chiamato effetto di diluizione.

“L’aumento della concentrazione di nutrienti non sarà proporzionale all’aumento della resa. Ad esempio, le colture raddoppieranno, ma la concentrazione di alcuni minerali è rimasta pressoché invariata, anche se abbiamo il doppio delle verdure”, spiega Jacynthe Dessureault-Rompré , professore associato presso Soil Conservation and Health alla Laval University.

2) suolo degradato

Sebbene ora sia possibile coltivare la lattuga in 60 giorni, queste colture intensive sono molto esigenti per il suolo e richiedono molti nutrienti da esso. Aggiungendo la compattazione del suolo dovuta alle macchine agricole sempre più imponenti, il risultato è spesso un suolo gravemente danneggiato.

“I terreni degradati hanno un impatto diretto sulla resa delle colture e questo include il valore nutritivo. La pianta sarà meno in grado di ottenere i nutrienti di cui ha bisogno”, osserva Jacinth Desoriault Rombre.

Se il terreno è carente, la crescita è più lenta, i raccolti sono inferiori e le piante sono più suscettibili alle malattie.

READ  Pourquoi Omicron pourrait être le dernier variante « préoccupant »

Per contrastare questi effetti negativi, gli agricoltori non esitano ad aggiungere fertilizzanti alle loro terre. Azoto, fosforo, potassio e magnesio: se il terreno non fornisce abbastanza nutrienti, questi input cercano di ristabilire l’equilibrio. È lo stesso con i fertilizzanti organici come letame o letame, che arricchiscono anche il terreno.

“Se i nostri terreni si deteriorano, la pianta non sarà in grado di utilizzare gli input. Sia che utilizziamo fertilizzanti minerali sintetici o organici, abbiamo ancora grandi difficoltà a ottenere una buona sincronizzazione tra gli input di nutrienti che diamo al terreno con i fertilizzanti e le esigenze della coltura”, nota l’agronomo.

3) l’aumento di anidride carbonica2 Atmosfera

Il cambiamento climatico potrebbe aver già contribuito al problema e potrebbe esacerbarlo nei prossimi decenni. Maggiore concentrazione di anidride carbonica2 Accelera il processo di fotosintesi e quindi la crescita delle piante. Ciò si traduce in un rendimento maggiore. Questa dovrebbe essere una buona notizia, ma c’è un prezzo da pagare. Il valore nutritivo diminuisce quando la pianta immagazzina più glucosio, ma minerali meno importanti come ferro e zinco.

Se la tendenza all’aumento delle emissioni di gas serra continua, potrebbe verificarsi il contenuto di ferro nel grano del 10% entro il 2050. Riso e soia potrebbero subire la stessa sorte. Riconoscendo che gran parte della dieta della popolazione mondiale dipende da questi alimenti, Si prevedono carenze.

Pericoli per la popolazione?

Il fatto che siano state osservate così tante carenze nutrizionali negli adulti canadesi dovrebbe essere considerato un segnale di avvertimento? L’assunzione di magnesio, calcio, vitamina A e vitamina D sarà per il momento Non abbastanza in molti.

Ma Health Canada e il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) non associano queste carenze a frutta e verdura di qualità inferiore. Se ci sono alcune carenze nutrizionali nella popolazione, è probabile che un gran numero di persone non ne abbia abbastanza. Di fatto, Appena il 30% della popolazione canadese Segui la raccomandazione di 5-10 porzioni di frutta e verdura al giorno.

READ  RNA (messaggero promesse)

Questo è ciò che suggeriscono anche gli studi di cui sopra. Per ora, il calo dei nutrienti non è così drammatico. Concluso nel 2017 Un documento storico contestuale, e può essere facilmente contrastato consumando più frutta e verdura. Ulteriori studi devono essere condotti per comprendere i meccanismi responsabili di questo fenomeno e per evitare che la situazione si deteriori.

Regola

Non si può affermare con certezza che tutti gli alimenti siano sempre meno nutrienti. Tuttavia, ci sono indicazioni che sono necessari ulteriori studi per comprendere i meccanismi alla base di questo fenomeno. Soprattutto, alcuni fattori potrebbero aggravare la situazione nei prossimi anni, in particolare il cambiamento climatico e l’aratura intensiva dei terreni agricoli.

Link all’articolo originale

https://www.sciencepresse.qc.ca/actualite/detecteur-rumeurs/2021/12/06/aliments-moins-nutritifs-avant-faut-savoir