Novembre 29, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Hervé Renard dopo l’emozione contro l’Argentina: “Emozione simile alla vittoria della finale CAN”

Sei pienamente consapevole della prestazione della tua selezione contro un favorito della Coppa del Mondo?

Hervé Renard: Abbiamo realizzato qualcosa di straordinario. Non molte persone se lo aspettavano e questo successo è stato molto pubblicizzato. Molte persone sono interessate alla selezione saudita. Nelle campagne c’erano scene di giubilo in tutte le città Il mercoledì è stato dichiarato giorno festivo. Al Lusail Stadium, dove l’atmosfera era molto bella, c’erano migliaia di tifosi sauditi, è stato un momento davvero molto forte, è stato fantastico. Naturalmente siamo consapevoli della nostra prestazione. Ci siamo potuti godere un po’ negli spogliatoi, poi abbiamo ripreso l’autobus per tornare al nostro hotel, a un’ora di distanza. In serata allenamento con le panchine. Da allora ci siamo concentrati completamente sulla partita che dobbiamo giocare sabato contro la Polonia.

Coppa del Mondo

L’Argentina è uscita sabato se…

Ieri alle 17:57

Torniamo all’incontro di martedì. L’Argentina segna velocemente grazie a un rigore di Messi, domina e nega qualche gol, potevamo immaginare il peggio per la tua squadra…

HR: Il fatto che gli argentini abbiano segnato dopo dieci minuti è probabilmente a nostro vantaggio. Hanno pensato che sarebbe stato molto facile affrontare una squadra che si presentava come la più debole del girone. E da qualche parte, non è anormale. Quando affrontiamo squadre che dovrebbero essere meno forti, può esserci un eccesso di fiducia. Quindi, sì, ci sono state cose interessanti nel primo tempo: abbiamo giocato bene in fuorigioco, i giocatori erano disciplinati e volenterosi, ma nel complesso non ero soddisfatto, soprattutto con la pressione offensiva sulla difesa argentina.

Hervé Renard durante la partita Argentina-Arabia Saudita

Credito: Getty Images

Conoscendoti, possiamo presumere che tu li abbia scossi un po’ a metà tempo?

HR: Esattamente. Ho detto a tutti i miei giocatori che dobbiamo fare di più. Ho chiesto ad alcuni se fossero venuti per scattare foto di Lionel Messi e vedere giocare gli argentini, o per giocare ai Mondiali e rendere orgoglioso il loro paese. Conosco molto bene i miei giocatori, lavoriamo insieme da tre anni. So che a volte hanno bisogno di essere solleticati, anche punti, e hanno bisogno di pressioni. Ammetto che a volte è stancante, ma a volte funziona bene. Sapevo che non avremmo avuto molte possibilità e che dovevamo essere molto efficienti.

La tua squadra ha saputo approfittare della disintegrazione della partita Albiceleste. Abbiamo visto i sudamericani indulgere in un individualismo eccessivo. Sentivi che c’era qualcosa da fare?

HR: Dal momento in cui ci siamo concentrati e ben organizzati, sì, abbiamo sfruttato due occasioni per segnare due gol in cinque minuti (48, 53). Questa efficienza è arrivata al momento giusto. Al-Dosari segna questo secondo meraviglioso golMa in passato ha già segnato grandi gol. È un giocatore straordinario, capace di fare cose molto buone, molto forte tecnicamente. Dopo averne approfittato, abbiamo dovuto provare a mantenere questa caratteristica. I giocatori sono stati in grado di mantenere la stessa concentrazione, lottare per tutte le palle e, matematicamente, mantenere la stessa intensità.

Il gol di Salem Al-Dosari che ha messo fine alla sua corsa all’incrocio dei pali contro l’Argentina

Credito: Getty Images

Questo risultato apre le porte a una possibile qualificazione, prestazione che fu compiuta nel 1994. Ma non è l’inizio più difficile in questa partita contro la Polonia, che pareggiò con il Messico (0-0) dopo che Robert Lewandowski aveva sbagliato un rigore?

HR: Sappiamo cosa aspettarci dalla Polonia, una squadra forte e ben organizzata con un marcatore eccezionale che ha bisogno solo di una mezza occasione per segnare. Cercheremo di confermare questa prestazione vincente contro l’Argentina, per continuare a credere nelle nostre possibilità di qualificazione. Speriamo di fare almeno quanto la squadra del 1994. Certo, se l’Arabia Saudita viene eliminata al primo turno, tutti lo troveranno normale. Ma con lo staff tecnico e i giocatori, vogliamo che la Coppa del Mondo non finisca con questa incredibile vittoria su uno dei favoriti, sulla squadra del miglior giocatore del mondo. Abbiamo trascorso una giornata fantastica, ricca di emozioni, vogliamo che questo Mondiale sia bello. Non abbiamo alcuna pressione speciale. Il principe Mohammed bin Salman, prima della competizione, si è semplicemente congratulato con noi per la nostra qualificazione e che la gente era orgogliosa e ci ha augurato tutto il meglio.

La tua squadra ha trascorso diverse settimane in campo, affrontando avversari diversi come Macedonia (1-0), Islanda (1-0), Albania (1-1), Honduras (0-0)…

HR: Il torneo si è fermato, quindi possiamo lavorare e giocare amichevoli per più di un mese. L’obiettivo non era entrare nelle squadre dei Mondiali, ma lavorare tatticamente e fisicamente e prepararsi bene. È stato bello vincere alcune partite, ma l’importante è arrivare in finale nelle migliori condizioni. Abbiamo battuto l’Argentina, abbiamo ancora due partite da giocare contro Polonia e Messico, due ottime squadre. Ma sono contento di vedere la nostra prestazione e quella del Giappone contro la Germania (2-1) dimostrare la qualità del calcio asiatico, mentre c’è chi dice che la qualificazione quando giochi nella regione asiatica è facile. L’Arabia Saudita è un vero paese di calcio, un buon torneo, ottimi giocatori.

Con l’Arabia Saudita, Hervé Renard sta gareggiando in una nuova Coppa del Mondo.

Credito: Getty Images

Battere l’Argentina dal punto di vista emotivo equivale a vincere la Coppa d’Africa, competizione che hai vinto con lo Zambia nel 2012 e la Costa d’Avorio nel 2015?

HR: Onestamente, sì. Le emozioni valgono. La differenza è che la Coppa del Mondo è molto più pubblicizzata della Coppa del Mondo FIFA. Ho potuto ripetere il nostro successo contro gli argentini. Sì, queste sono gioie colossali e comparabili!

Coppa del Mondo

Storica vittoria… e festa dichiarata ufficialmente in Arabia Saudita

Ieri alle 16:31

Coppa del Mondo

Renard Hovering: “Possono succedere cose assolutamente folli”

Ieri alle 14:19

READ  ATP Masters, fase a gironi - Novak Djokovic ha sconfitto Stefanos Tsitsipas (6-4, 7-6) e ha esordito con successo a Torino.