Novembre 27, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Gran Premio di San Paolo – Brasile – Max Verstappen (Red Bull), killer ma imbattuto: “Abbiamo determinato i danni”

“Abbiamo provato tutto il possibile, ovviamente.”. Con le sue parole rassegnate, Max Verstappen ha riassunto 71 giri del Gran Premio di San Paolo, e ha segnato la sua sconfitta a Lewis Hamilton (Mercedes), che è partito decimo sulla griglia di Interlagos.

Gran Premio di San Paolo

Hamilton: “Non avrei mai pensato di iniziare e vincere finalmente”

5 ore fa

In Brasile, il numero uno del mondo è arrivato fiducioso di poter aumentare di 19 punti il ​​suo vantaggio nel torneo sul rivale britannico. Ho lasciato 14 lunghezze di margine.

Con quattro vittorie di puledri su piste in quota all’inizio di questa stagione (Spielberg due volte, Spa-Francorchamps e Messico), Red Bull ha affermato in vista del 19° round del mondo che il circuito paolino era più adatto al suo DNA. Il telaio RB16B e il suo motore Honda provengono dal pacchetto tedesco. La macchina austro-giapponese sarà finalmente soggetta alla legge della sua concorrenza, in particolare il nuovo motore V6 che è stato installato a penna nella W12 per un britannico stesso all’apice della sua arte.

nel tempo perso

Max Verstappen è uscito dal test domenicale deluso ma senza rimpianti per l’arbitro e lo scenario che ha subito evidenziato la superiorità dell’avversario. Quindi non ha nulla di cui vergognarsi. Ha fatto tutto quello che poteva e anche un po’ di più. Verstappen ha fatto bene in pista, il che significa che ha condotto “la via più difficile”, dice.

Il più veloce al via dal secondo posto in griglia di partenza, si è portato in testa davanti a Valtteri Bottas (Mercedes), l’uomo in pole position. Ha guidato come voleva, considerando che doveva superare Lewis Hamilton il più possibile. Il giorno prima, durante una gara sprint, l’inglese aveva recuperato 15 piloti dall’ultimo posto e alcuni erano ancora sotto il pedale alla fine.

READ  Casper Rudd vince la sua prima vittoria al Master

Super Max ha pensato di poter restare in attesa e ha preso tutte le iniziative possibili. Salvo andare sul podio la prima volta per sostituire “mediana” con “difficile”. Il suo avversario gli ha tolto il tappeto al 27° giro e il giro extra che ha completato gli è costato un secondo. Anche il colpo è stato vicino: bloccando l’LH44, Daniel Ricciardo (McLaren) lo ha salvato per la giornata. “Non voglio più essere ingannato nel buco”, per cautela.

“Non credo di poter resistere fino alla fine”.

Lezione appresa: al giro 41, è stato lui a prendere il comando, Lewis Hamilton ha lasciato altri tre giri. Con la sua rotta ordinata nel settore 2, che è il più distorto, ha continuato a cercare di far uscire Lewis Hamilton dal suo territorio DRS, senza successo.

Poi ha aggiunto il suo tocco personale al giro 48, facendo deragliare la curva 4 della W12. Una manovra ha fatto uscire di pista le due vetture, maledicendo le persone parlando. Era calunnia? “Michael, è esattamente quello che ci aspettiamo dal lasciarli correre?”, ha chiesto subito la Red Bull a Michael Massey, il direttore di gara. Che ha rapidamente chiuso il caso.

“Quando mandi qualcuno, non richiede un’indagine?”, poi ha risposto Toto Wolff, capo Mercedes. “L’abbiamo guardata da tutte le angolazioni, non c’era bisogno di un’indagine”, sosteneva semplicemente Michael Massey. “E’ stata davvero una brutta mossa da parte di Max, che è andato completamente oltre il limite, ma ha dovuto farlo per difendersi.L’austriaco ha commentato poco dopo. Lewis lo ha fatto in modo più intelligente evitando il contatto”.

READ  Nazionale francese: Kylian Mbappe, infortunato, lascia il rally

Ma questo era un primo lotto per il sequel, e Max Verstappen lo sapeva bene quando si è spento alla radio al giro 50: “Non credo di poter arrivare alla fine”.

‘La battaglia è stata bellissima’

La bandiera quadrata era ancora troppo lontana per lui davvero, e la Mercedes, spinta come mai prima d’ora dal nuovo V6, ha sopportato il colpo con più coppia al giro 59.

Con un vantaggio sufficiente su Charles Leclerc (Ferrari), il compagno di squadra Sergio Perez, quarto, ha negato a Lewis Hamilton il suo miglior punto nell’episodio finale.

“La lotta è stata bella ma ci è mancato un po’ di ritmo”, ha spiegato il capitano del Mondiale, che ha preso di mira in modo specifico il ruolo n.1. “Avevamo ancora un buon vantaggio, abbiamo ridotto i danni nel fine settimana che è stato un po’ più duro per noi, ma sono sicuro che torneremo”.

Per tutta questa stagione si è detto convinto che il titolo si sarebbe giocato nell’ultimo Gran Premio, e non ha cambiato idea. Ancora meglio, l’incognita sarà ora in lista per i prossimi due circuiti. “Stiamo arrivando al Gran Premio (Qatar e Arabia Saudita) di cui non abbiamo informazioni. Sarà divertente”, ha detto a Channel +.

Gran Premio di San Paolo

Aspra lotta tra Gasly, Ocon e Alonso, e sempre completa uguaglianza tra AlphaTauri e Alpine

2 ore fa