Luglio 19, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Gilles Rotillon, Università di Parigi Nanterre – L’economia può davvero migliorare la società?  – libertà di espressione

Gilles Rotillon, Università di Parigi Nanterre – L’economia può davvero migliorare la società? – libertà di espressione

Per molti economisti, la disciplina consente loro di comprendere meglio e organizzare meglio la produzione e il consumo nell’interesse pubblico. Come scienza, persegue false intuizioni e sostiene le politiche necessarie. Si considerano fisici post-galileiani che combattono l’ignoranza o idraulici che riparano tubi.


Pertanto, la teoria della crescita endogena sottolinea l’importanza dell’istruzione, della salute e delle infrastrutture fisiche e istituzionali per la crescita e attribuisce allo Stato un ruolo cruciale nel fornire questa istruzione, questa preziosa salute e queste infrastrutture di base. Certamente, coloro che non hanno l’opportunità di essere economisti, e non hanno familiarità con questa teoria, potrebbero trovare questi “risultati” del tutto banali! Basta assumere il punto di vista opposto per capire che se tutti sono scarsamente istruiti, hanno una cattiva salute e le infrastrutture sono un disastro, non arriverà nulla di buono a nessuno. Forse solo un economista neoclassico applaudirebbe l’idea che lo Stato possa avere un ruolo decisivo e che l’istruzione sia importante.


Ma c’è un’altra conseguenza che gli economisti che abbracciano questa teoria considerano fondamentale e meno ovvia, e cioè che poiché l’accumulazione della conoscenza è illimitata, lo sarà anche la crescita basata su di essa.
Ma la crisi ambientale in corso fa sorgere dubbi sul fatto che questa crescita stia portando al degrado ambientale. Anche in questo caso gli economisti trovano la soluzione sottolineando il ruolo complementare dello Stato e del mercato, con il primo che corregge gli squilibri del secondo. L’abuso del mercato è ciò che milioni di persone hanno potuto sperimentare nel proprio corpo. Pertanto, anche la necessità dell’intervento non è considerata uno scoop. Non possiamo fare a meno di rimanere sorpresi dall’incoerenza di questi risultati. Qui siamo nel campo della cattiva astrazione denunciata da Hegel e Marx. Ci viene detto che l’istruzione è importante, e nessuno dirà il contrario, perché a questo livello di generalità diventa chiaro a tutti. Ma perché la Francia è in ritardo nelle valutazioni internazionali del rendimento scolastico? Se la salute è così importante, perché così tante persone hanno difficoltà a farsi curare, così tanti servizi ospedalieri sono sull’orlo del collasso e così tanti pazienti cercano medici di riferimento? Per quanto riguarda le infrastrutture, siano esse istituzionali (il funzionamento dei tribunali è tutt’altro che soddisfacente, il sistema bancario resta insicuro) o fisiche (una rete ferroviaria molto vecchia, scuole o ospedali fatiscenti), sono lungi dall’essere in buone condizioni. condizione. L’istruzione, la sanità e le infrastrutture sono importanti in astratto, ma quando guardiamo i fatti, il quadro è più cupo e le belle lezioni dell’analisi economica sono poco efficaci.

READ  La 12e crmonie de remise des prix DBN en science et technologie vise largir la vision de l'innovation e il dominio dell'agriculture


Questo non è meglio per l’ambiente! La biodiversità si sta deteriorando a un ritmo allarmante e i gas serra continuano a saturare l’atmosfera, rendendo l’obiettivo, sebbene adottato in pompa magna alla COP21 di Parigi, di rimanere al di sotto dei 2°C, una malattia legata ai nostri modelli di consumo. (Cancro, diabete, obesità, malattie cardiovascolari) sono in costante aumento… Insomma, anche qui l’economia fatica a migliorare la situazione.


La stessa cattiva astrazione esiste ancora quando parliamo di “crescita” senza parlare del suo contenuto. Credere che ciò sarà sempre possibile perché il capitale umano è illimitato significa dimenticare rapidamente che la conoscenza pura non esiste come la produzione immateriale. L’informazione consuma un’energia che non è né gratuita né fugace. In definitiva, l’analisi economica lodata da molti economisti non sembra essere utile per costruire una società in cui tutti possano sperare di trovare le condizioni per uno sviluppo armonico e comune.