Maggio 16, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Fine della suspense della Fed, rialzo dei tassi all’orizzonte – 26/01/2022 alle 07:46

The Federal Reserve Building a Washington, 22 gennaio 2022 (AFP/Stefani Reynolds)

The Federal Reserve Building a Washington, 22 gennaio 2022 (AFP/Stefani Reynolds)

La banca centrale statunitense (Fed) vuole affrontare l’inflazione, aumentare i suoi tassi chiave quest’anno per la prima volta in quasi due anni e rivelerà il suo programma mercoledì, il che potrebbe far vacillare il mercato azionario.

La riunione del MPC è iniziata martedì mattina e si concluderà mercoledì pomeriggio. Un comunicato stampa sarà rilasciato alle 14:00 (19:00 GMT) e il presidente della Federal Reserve Jerome Powell terrà una conferenza stampa alle 14:30 (19:30 GMT).

Una Fed forte potrebbe, al termine di questi due giorni di discussioni, annunciare che i tassi di interesse inizieranno a salire a marzo, nella prossima riunione.

I tassi chiave sono stati ridotti a un intervallo compreso tra 0 e 0,25% a marzo 2020, di fronte alla pandemia di Covid-19, per sostenere l’economia attraverso i consumi.

I funzionari dell’istituto monetario diranno anche se sono scesi di 25 punti base o 50 punti base direttamente, spingendo i tassi overnight in un intervallo compreso tra 0,25 e 0,50% o 0,50 allo 0,75%. Devono anche decidere quanti aumenti prevedono per il 2022 e fino a che punto aumenteranno tali tassi.

“Continuiamo a prevedere due importanti rialzi dei tassi nella prima metà del 2022 e nessuno nella seconda metà, poiché le preoccupazioni sull’inflazione dovrebbero diminuire”, hanno affermato in una nota Steve Englander e John Davies, economisti della Standard Chartered Bank.

E avvertono che fino a quando l’inflazione non rallenterà in modo significativo, c’è il rischio che la Fed dica e faccia di più, piuttosto che di meno.

– rallentare l’ordine –

La Fed ha posto le basi nella sua precedente riunione di metà dicembre e ha annunciato che avrebbe terminato i suoi acquisti di attività prima del previsto, a partire da marzo anziché da giugno.

Inoltre, per la prima volta, ha smesso di etichettare questa inflazione come “temporanea” che, mesi fa, era ben al di sopra del suo obiettivo a lungo termine del 2%.

I prezzi sono aumentati del 7% nel 2021, il ritmo più veloce dal 1982, secondo l’IPC. La Fed preferisce un altro indicatore dell’inflazione, l’indice delle spese per consumi personali, i cui dati per il 2021 saranno pubblicati venerdì.

L’aumento dei tassi di interesse overnight ridurrebbe l’inflazione rallentando la forte domanda.

Questi tassi sui fondi federali determinano il costo del denaro che le banche si prestano a vicenda, quindi aumentarli rende il credito più costoso. Tuttavia, se il credito è più costoso, gli individui e le imprese consumano o investono meno.

La Federal Reserve è stata finora cauta sugli aumenti, temendo che potessero rallentare molto bruscamente la ripresa economica e, per estensione, il mercato del lavoro.

Ma il Paese è ormai quasi tornato alla piena occupazione, con il tasso di disoccupazione a dicembre sceso al 3,9%, vicino al livello pre-crisi (3,5%), con la carenza di manodopera che mette i dipendenti in una posizione di forza rispetto ai datori di lavoro.

– Debito paesi emergenti –

I rischi vengono ora dal mercato azionario e questa azione, seppur prevista, fa sorgere timori di una correzione. I mercati europei sono scesi lunedì e Wall Street è scesa ai livelli più bassi degli ultimi mesi.

L’entità del calo potrebbe rallentare la Fed, come avverte l’economista Joel Narov: “Se i mercati azionari continuano a indebolirsi, (…) non so cosa faranno (il Comitato monetario) quando si incontreranno il 15 marzo- 16”.

“Mi aspettavo una dimostrazione di forza, con 50 punti base a marzo, ma potrebbe essere lontano dalla realtà”, ha detto.

Il Fondo Monetario Internazionale ha avvertito che un aumento troppo rapido dei tassi di interesse potrebbe penalizzare anche i paesi emergenti e in via di sviluppo, il cui debito è definito in dollari.

“Sarà una sfida per i banchieri centrali quest’anno riuscire a realizzare la transizione verso una politica monetaria più restrittiva. Devono gestirla con attenzione”, ha detto all’AFP Geta, capo economista del FMI.

Ha anche affermato di dubitare che l’inflazione scenderà al 2%, l’obiettivo della Federal Reserve, entro la fine del 2022, come ha straordinariamente previsto il segretario al Tesoro Janet Yellen.

Il Fondo Monetario Internazionale ha rivisto le sue previsioni di crescita per gli Stati Uniti, prevedendo il 4,0% per il 2022, contro il 5,2% precedentemente previsto.

joule / vmt / ybl

READ  Activision Blizzard: il Wall Street Journal annuncia una quarantina di partenze da luglio dopo indagini interne - Actu