Luglio 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Fascicolo sanitario: quante frodi scientifiche ci sono in sanità?

Fascicolo sanitario: quante frodi scientifiche ci sono in sanità?

Questo testo raccoglie parte del contenuto della nostra newsletter sulla salute, pubblicata ogni martedì alle 16:00.

Nel 2006, i ricercatori americani hanno pubblicato sulla rivista natura Un importante articolo scientifico sulla malattia di Alzheimer che collega questa malattia ad una proteina anomala, la beta-amiloide. Da allora questo articolo è stato citato come riferimento in più di 2.500 altre pubblicazioni: un numero enorme e una testimonianza dell’impatto che ha avuto. A parte il fatto che è sul punto di scomparire dalla letteratura scientifica, gli autori hanno ammesso che contiene immagini manipolate.

Questo fenomeno, cioè il ritiro degli articoli, è sempre più frequente ed è potenzialmente carico di conseguenze: pubblicare articoli che poi devono essere ritirati contribuisce a indirizzare la ricerca nella direzione sbagliata e può avere ripercussioni sulle decisioni legate alla salute. Uno dei peggiori esempi in questo campo è quello pubblicato nel 1998 da Il bisturida un articolo fraudolento che collegava il vaccino all’autismo, ritirato nel 2010, che alimentò il movimento anti-vaccini i cui effetti si fanno ancora sentire.

l’anno scorso, natura re stimato Il tasso di ritiro per le riviste sottoposte a revisione paritaria è dello 0,2%, ovvero 1 articolo su 500 articoli pubblicati, in tutti i campi scientifici e in tutte le lingue. Il Regno di Arabia Saudita, Pakistan, Russia e Cina sono in cima alla lista con la più alta percentuale di cali.

Nelle news Stare, i ricercatori hanno esaminato le pubblicazioni biomediche di almeno un autore europeo. Tra il 2000 e il 2021, hanno calcolato, il tasso di ritrattazione di tali pubblicazioni è quadruplicato, da 11 su 100.000 articoli pubblicati a 45 su 100.000. Hanno poi analizzato in dettaglio le 2.069 ritrattazioni per classificarne le ragioni. In un terzo dei casi si è trattato di errori in buona fede a causa dei quali gli stessi ricercatori hanno chiesto di ritirare il loro articolo. Ma due volte su tre, gli autori hanno commesso almeno una “cattiva condotta scientifica”, come falsificare dati, manipolare immagini, fare false dichiarazioni su conflitti di interessi o plagio. La duplicazione – ovvero la pubblicazione dello stesso articolo su più di una rivista – è il caso più comune di cattiva condotta, rappresentando il 22% dei casi.

READ  Indossare una maschera nelle strutture sanitarie | "Non è solo la scienza a decidere"

Copiare un articolo, anche se riprovevole, non è comunque grave quanto falsificare dati o nascondere un conflitto di interessi! Di fronte a tali esiti possiamo quindi vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. C’è anche molto lavoro da fare per poter misurare meglio la fiducia che possiamo avere negli studi pubblicati. Non si accetta nessuna delle precedenti se il numero degli abstract amplia la parte degli articoli pubblicati – notazione con gli strumenti di confronto delle immagini non presenti negli anni precedenti – o parte dei progressi scientifici, ecc. In Comunque.

Le buone notizie

Speranza nell’ovaio policistico

I ricercatori cinesi pubblicano sulla rivista Scienze UN Stare Ciò suggerisce che l’artemisinina, una molecola usata contro la malaria, potrebbe trattare la sindrome dell’ovaio policistico, che colpisce circa il 10% delle donne. Questa condizione è associata alla sovrapproduzione di ormoni maschili da parte delle ovaie, che porta, tra gli altri, a mestruazioni irregolari, cisti ovariche e infertilità. L’artemisinina è un composto presente in una pianta utilizzata nella medicina tradizionale cinese, la pianta tazza annuale (Assenzio annuale). Utilizzando modelli murini, i ricercatori hanno identificato e descritto il meccanismo mediante il quale l’artemisinina sopprime la produzione di ormoni androgeni da parte delle ovaie. Un primo studio pilota condotto su 19 donne affette da questa sindrome sembrava avere effetti molto benefici, con una riduzione del numero di cisti e, per 12 donne su 19, un ritorno alle mestruazioni regolari senza effetti collaterali evidenti. È sufficiente portare a Un barlume di speranza Nel contrastare questa patologia diffusa che non sappiamo come trattare.

dati

52500

Questo, almeno, è il numero di morti premature che potrebbero essere state causate dalle particelle sottili emesse dagli incendi in California dal 2008 al 2018, secondo i modelli condotti da ricercatori di sanità pubblica a Los Angeles. Gli scienziati sono riusciti a distinguere l’impatto degli incendi da altre fonti di particelle PM2,5 (meno di 2,5 micrometri di diametro), come l’inquinamento delle automobili, utilizzando dati di geolocalizzazione precisi. In EditoriaSi stima inoltre che gli impatti sulla salute derivanti dagli incendi boschivi rappresentino un onere economico di almeno 432 miliardi di dollari (in dollari USA nel 2015) in questi 11 anni. Secondo i ricercatori, questi numeri mostrano che gli incendi hanno effetti sulla salute a lungo termine più gravi di quanto si pensasse in precedenza.

READ  Una scoperta fatta in Giappone ravviva la speranza nella lotta alla malattia

Se ti è piaciuto questo articolo, perché non iscriviti alla nostra newsletter sulla salute? Ogni martedì leggerai innanzitutto le spiegazioni chiare, dettagliate e sempre rigorose del nostro team di giornalisti e operatori sanitari. Inserisci semplicemente il tuo indirizzo email qui sotto. 👇