Febbraio 25, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Elettricità: la tariffa regolamentata potrebbe essere nuovamente aumentata del 10-20% nel 2024? – 22/09/2023 alle 09:05

(Credito immagine: © Viktor – Stock.adobe.com)

+15% dal 1 febbraio 2023, +10% dal 1 agosto… L’aumento dei prezzi regolamentati di vendita dell’elettricità non sembra pronto a fermarsi e, secondo l’Energy Regulatory Commission, potrebbe continuare nel 2024.

I successivi aumenti dei prezzi di vendita regolamentati dell’elettricità nel corso del 2023 hanno già influito notevolmente sui bilanci dei francesi, in particolare delle famiglie che cucinano o si scaldano utilizzando questa energia. Sfortunatamente, è probabile che questi aumenti continuino e la Commissione per la regolamentazione dell’energia (CRE) prevede già un aumento teorico dal 10 al 20% all’inizio del 2024.

Verso un altro aumento dal 10 al 20% dell’elettricità TRV?

Possibile aumento dal 10 al 20% del prezzo di vendita regolamentato dell’elettricità: è l’annuncio fatto giovedì 14 settembre dal presidente della Energy Regulatory Commission, Emanuel Wargon. Dopo i successivi aumenti del 15% nel febbraio 2023 e del 10% in agosto, questo nuovo aggiustamento dei prezzi sembra un’altra brutta notizia per i portafogli dei francesi, condannati a vedere un aumento delle loro spese.

“Saremo intorno al 10-20%”, ha spiegato Emanuel Wargon in una conferenza stampa, cioè “un aumento molto inferiore a quello che siamo riusciti a fare l’anno scorso”. Ma queste cifre restano solo stime, come spiega il capo della Commissione di regolamentazione delle telecomunicazioni: “È ancora un po’ presto per fare il bilancio (…), e per vedere i prezzi dovremo aspettare la fine del 2023. ”

Leggi anche: Prezzi dell’energia: aumentano le bollette di luce e gas

La decisione di aumentare i prezzi dell’elettricità spetta al governo

I calcoli effettuati dalla Commissione per l’uguaglianza razziale sono stime e indicativi. In realtà, non è la Commissione per la regolamentazione dell’energia a fissare il livello tariffario regolamentato per la vendita di elettricità. Questo compito spetta al governo che, lo ricordiamo, ha già notevolmente ridotto gli effetti dell’aumento dei prezzi dell’energia sui bilanci delle famiglie attraverso lo scudo tariffario.

Ma mentre il ministro dei conti pubblici di Bourne I, Gabriel Attal, ha annunciato che lo scudo tariffario dovrebbe essere gradualmente eliminato entro il 2025, cosa dovremmo aspettarci? Per ora questo meccanismo di tutela dovrebbe continuare a limitare gli aumenti del TRV per i 21 milioni di abbonati in questione, ma per quanto tempo e in che misura? La domanda rimane senza risposta.

L’aumento dei prezzi dell’elettricità può tenere conto del reddito delle famiglie?

“Si tratta di una semplice previsione, in termini di grandezza, di calcolo teorico e non è in alcun modo l’annuncio di un aumento dei prezzi dell’elettricità”, ha sintetizzato Emmanuel Warjon a proposito di un aumento dei prezzi dal 10 al 20%. Per conoscere l’entità dell’aumento delle tariffe di vendita regolamentate nel 2024 bisognerà attendere la decisione del governo, che terrà conto del calcolo dell’Iva e degli impatti sociali ed economici dell’aumento previsto.

Da parte sua, il ministro dell’Economia Bruno Le Maire ha confermato che “un aumento dei prezzi dell’elettricità dal 10 al 20%, come indicato dal presidente della Commissione di regolamentazione delle telecomunicazioni”, è improbabile all’inizio del 2024. Ciò significa che se ci sarà un aumento, sarà inferiore al 10%.

Per ridurre gli effetti dello scudo tariffario sulle finanze statali, alcuni economisti si battono per la fine del sistema di protezione delle famiglie più ricche. È il caso di Javier Garavelle, Isabelle Meigne e Xavier Ragot, economisti del Council for Economic Analysis (CAE), che vogliono escludere dallo scudo tariffario il 20% dei francesi più ricchi, sufficiente per ottenere un “risparmio di bilancio”. A 6 miliardi di euro.

READ  Quali sono le soluzioni per evitarlo?