Febbraio 8, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Ecco perché le donne sono più sensibili al freddo

È normale che le donne siano più sensibili al freddo degli uomini, ma perché? Sebbene non esista una risposta definitiva a questa domanda, la ricerca ha rivelato alcune possibili spiegazioni dietro l’apparente differenza tra i sessi nella tolleranza al freddo.

Questo articolo esplora queste cause e spiega come la loro consapevolezza può aiutare uomini e donne ad adattare meglio i loro vestiti e l’ambiente per massimizzare il comfort e mantenere una buona salute. Dalle differenze biologiche, come la composizione corporea, ai fattori socioculturali, come le tendenze della moda, ci sono molti elementi critici che entrano in gioco quando si tratta di sentirsi più fighi dei propri coetanei. Immergiamoci nei nostri potenziali punti deboli e diamo consigli per stare al caldo, anche nei giorni più freddi!

Le donne sono più sensibili al freddo degli uomini per una serie di motivi, tutti supportati da prove scientifiche.

composizione corporea:

Le donne tendono ad avere una percentuale più alta di grasso corporeo, che isola il corpo e aiuta a trattenere meglio il calore. Questo perché il grasso ha un tasso metabolico inferiore rispetto al tessuto muscolare, il che significa che produce meno calore durante l’attività fisica. Inoltre, il corpo delle donne ha un rapporto tra superficie e volume maggiore rispetto a quello degli uomini, il che porta a una più rapida perdita di calore. Ciò significa che quando fa freddo, la donna avverte gli effetti del freddo prima dell’uomo e si raffredda più velocemente dopo lo sforzo.

influenze ormonali:

Inoltre, alcune ricerche suggeriscono che anche i cambiamenti ormonali nel metabolismo femminile possono influenzare la loro sensibilità al freddo. È noto che gli estrogeni riducono i livelli di tessuto adiposo bruno (BAT) nel corpo, favorendo la termogenesi. Uno studio condotto dai ricercatori della Ohio State University ha scoperto che le femmine di ratto a cui erano stati somministrati estrogeni avevano livelli significativamente più bassi di BAT rispetto ai ratti maschi, rendendole più sensibili al freddo rispetto ai maschi. Tuttavia, questo effetto è stato ridotto quando i livelli di estrogeni sono tornati alla normalità, suggerendo che le fluttuazioni ormonali possono svolgere un ruolo importante nella regolazione dell’omeostasi termica nelle femmine.

READ  L'epidemia di influenza rovina i festeggiamenti di fine anno per questi francesi

Per gli uomini, gli scienziati hanno dimostrato che il testosterone ha un effetto significativo sulla termogenesi e sulla capacità degli individui di percepire il fresco dell’ambiente circostante. Ciò è dovuto al suo ruolo nell’inibire la proteina del canale TRPM8, che si trova nelle terminazioni nervose sotto la pelle. Questa inibizione riduce la sensibilità di queste terminazioni nervose ai cambiamenti di temperatura, il che significa che gli uomini sperimenteranno meno sensazioni rispetto alle donne se esposti a basse temperature. In altre parole, livelli più elevati di testosterone nel corpo di un uomo portano a una minore sensibilità alle sensazioni associate al calore, come la sensazione di freddo.

modelli di traffico:

Un altro motivo per cui le donne sentono freddo è la differenza nella circolazione sanguigna. Gli studi dimostrano che il sistema circolatorio di una donna è più efficiente nel rimuovere il calore dal nucleo del corpo, facendola sentire più fresca anche se si impegna in comportamenti di riscaldamento attivo come tremare o fare esercizio. Inoltre, la ricerca indica che la pelle delle donne tende ad essere più sottile di quella degli uomini, rendendola meno efficace nel trattenere il calore interno e creando una barriera contro il freddo proveniente da fonti esterne.

fenomeni psicologici:

Infine, gli studi suggeriscono che anche i fattori psicologici possono svolgere un ruolo nel modo in cui le persone percepiscono il freddo. Le donne tendono a sperimentare livelli più elevati di ansia e stress rispetto agli uomini, il che può contribuire a una maggiore sensibilità se esposte ad ambienti freddi. Inoltre, le norme culturali che definiscono le aspettative sui ruoli di genere possono indurci ad agire in modo diverso in situazioni in cui sentiamo freddo; Le donne possono essere più inclini a esprimere il proprio disagio, mentre gli uomini possono rimanere sobri anche se risentono anche del freddo.

READ  L'Agence Sanitaire Britannique Alerte sur le retour de la poliomyélite dopo la scoperta di plusieurs cas dans les eaux usées de Londres

È tempo di considerare il comfort termico di genere in tutti gli ambienti?

I risultati di uno studio condotto nel 1972 da tre ricercatori scandinavi suggeriscono che è possibile trovare una temperatura ottimale in grado di soddisfare le esigenze di comfort sia degli uomini che delle donne. Lo studio è stato condotto in due aule delle scuole superiori, ei risultati sono stati che la temperatura “ottimale” dovrebbe essere di 24,3 gradi Celsius.

Questo punto è stato identificato come il punto di equilibrio tra il numero di ragazze che avevano troppo freddo e il numero di ragazzi che avevano troppo caldo, il che significa che rispettivamente il 16% delle ragazze e dei ragazzi si considerava OK, a proprio agio con quella temperatura. Lo studio rileva che spesso è più facile adattarsi a temperature più fredde aggiungendo indumenti, piuttosto che rimuovere strati se il caldo diventa fastidioso. Questo può aiutare a ridurre il dispendio energetico extra per regolare la temperatura corporea se ti trovi in ​​un ambiente con temperature fluttuanti.

È quindi chiaro da questa esperienza che non è impossibile creare un uguale livello di comfort per uomini e donne, ma è sufficiente tenere conto delle sfumature di preferenza quando si regolano gli impianti di condizionamento o riscaldamento.

* Presse Santé si impegna a diffondere la conoscenza della salute in un linguaggio accessibile a tutti. In ogni caso, le informazioni fornite non possono sostituire il parere di un professionista della salute.