Dicembre 1, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

E se i microbi rendessero impossibile la vita su Marte?

C’era vita su Marte? Gli esseri umani hanno cercato una risposta a questa domanda per decenni. Tuttavia, nonostante migliaia di studi e robot inviati sul pianeta, al momento non ci sono prove per prendere una decisione. Tuttavia, un team di scienziati può elaborare una nuova ipotesi. Se non c’è traccia di vita su Marte, potrebbe essere perché i microbi hanno modificato il clima quasi 4 miliardi di anni fa. Avrebbe reso il pianeta inabitabile…

Perché stai cercando la vita su Marte?

Terra e Marte, due pianeti vicini, sono molto diversi

Marte e la Terra sono separati in media da quasi 80 milioni di km. Infatti, Questa distanza varia A seconda dell’evoluzione dei pianeti intorno al sole. Per rendersi conto di cosa rappresenta una distanza così grande, sappi che ci vogliono quasi 8 mesi per fare il viaggio…

A parte il fatto che Marte e la Terra sono in definitiva “vicini”, condividono alcuni punti in comune. Marte ha avuto anche oceani per parte della sua storia. Tra 4 miliardi di anni e 2 miliardi di anni prima della nostra era, il Pianeta Rosso era ricoperto da grandi specchi d’acqua. La presenza di questi oceani è uno degli elementi più importanti che difendono la vita su Marte.

Se partiamo da tale ipotesi, la domanda è: perché non ne troviamo traccia? La vita su Marte sembra essersi estinta molto rapidamente.

Informazioni sulla vita primitiva

Perché ci sforziamo così tanto per scoprire se c’è vita su Marte? Perché è un modo per ottenere informazioni sui primi anni di vita sulla Terra. In effetti, Marte sembra essersi fermato nel tempo. Oggi è ancora una specie di quadro di com’era la Terra quando la vita è apparsa per la prima volta.

READ  Storia della medicina: epidemiologia, scienza del rischio

Pertanto, continuare a studiare il Pianeta Rosso consentirà di comprendere gli eventi che portano all’emergere della vita.

Questo ci permette anche di capire come due pianeti con un percorso comune alla base siano stati in grado di divergere così tanto in seguito. In effetti, se la vita su Marte fosse provata, si fermerebbe molto rapidamente. Da parte sua, la Terra conteneva forme sempre più complesse, sotto l’influenza dell’evoluzione e della selezione naturale.

La storia del “sabotaggio”?

Microbi comuni tra la Terra e Marte

Perché la vita sui due pianeti ha seguito percorsi così diversi? Un team di astrobiologi francesi del CNRS porta una nuova ipotesi. La vita su Marte avrebbe potuto “sabotarsi” essendo responsabile del massiccio cambiamento climatico. Il che, nel tempo, avrebbe reso il pianeta inabitabile.

Per supportare questa ipotesi, gli scienziati hanno eseguito simulazioni. Il team guidato da Régis Ferrier ha modellato l’interazione tra ambiente primitivo Marte è un ecosistema di microrganismi che vivono utilizzando idrogeno e rilasciando metano. Questi microrganismi corrispondono alle prime forme di vita sulla Terra.

Leggi anche: I microbi artici dimostrano che la vita su Marte è possibile

4 miliardi di anni fa, anche la crosta di Marte era un luogo abitabile per questa forma di vita. Se questa crosta non fosse ricoperta di ghiaccio, potrebbe sostenere una biomassa simile a quella dell’oceano primordiale della Terra.

L’evoluzione media della calotta glaciale noachiana di Marte sotto l’influenza dei previsti metanogeni dell’idrogeno.
Crediti: Sauterey et al.

Microbi che avrebbero reso impossibile la vita su Marte

I microrganismi studiati, chiamati ecosistema metanogenico dell’idrogeno, hanno rilasciato metano. Attualmente, si sente parlare molto di questo gas a causa dei suoi effetti sul riscaldamento globale.

READ  L'epidemia di influenza sta tornando a galla e potrebbe essere "forte"

Tuttavia, nel caso di Marte, si è verificato l’effetto opposto. L’atmosfera di Marte era ricca di anidride carbonica e idrogeno. La combinazione dei due gas avrebbe dovuto aiutare con il riscaldamento globale e quindi favorire la vita. Tuttavia, i microrganismi, attraverso il consumo di idrogeno, hanno portato alla sua sostituzione con il metano. Ciò ha poi portato a un significativo raffreddamento di Marte.

Le nuove condizioni meteorologiche risultanti non erano affatto ideali. Avrebbero potuto spingere i microrganismi ad affondare sempre più in profondità nella crosta di Marte. La sepoltura può continuare fino alla loro scomparsa, se non è disponibile alcuna fonte di energia.

Nuovi modi per cercare la vita su Marte

Oltre a iniziare la risposta, questo studio offre anche nuove prospettive. Aiuta a guidare la ricerca scientifica. Quest’ultimo dovrebbe, infatti, concentrarsi su aree più calde e profonde rispetto alla media.

Quindi ci saranno tre aree promettenti per “scavare” sul Pianeta Rosso. Questi sono Hellas Planitia, Isidis Planitia e Buco di Jezero. Forse quest’ultimo ti è noto? Questa è davvero un’area esplorata dalla più recente sonda della NASA, Pereverance.

Leggi anche: Marte: il rover “Perseverance” della NASA ha appena scoperto impronte vitali sul Pianeta Rosso!

Queste aree possono essere “oasi abitabili”, con microrganismi che possono essersi evoluti e adattati alle loro nuove condizioni di vita. Ad ogni modo, questo è ciò che spera Boris Souteri, l’autore principale dello studio.

Pertanto, Marte non ha finito di svelare i suoi segreti e ci promette ancora grandi scoperte!