Luglio 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Durante un discorso a Trieste, in Italia, il Papa ha criticato la “cultura del rifiuto” e gli “impulsi populisti”.

Durante un discorso a Trieste, in Italia, il Papa ha criticato la “cultura del rifiuto” e gli “impulsi populisti”.

In vista delle elezioni europee, i vescovi di diversi paesi hanno già espresso preoccupazione per l’ascesa del populismo e del nazionalismo in Europa, mentre l’estrema destra è già al potere in Italia, Ungheria e Paesi Bassi.

Pubblicato


Aggiornamento


Tempo di lettura: 1 minuto

Papa Francesco parla a Trieste, in Italia, il 7 luglio 2024.  (VATICANO MEDIA/IPA-AGENCY.NET/MAXPPP)

“La democrazia non è sana nel mondo di oggi” ha lamentato papa Francesco. Nel suo discorso alle mille persone riunite al Centro Congressi di Trieste per la chiusura delle 50° Settimane Sociali organizzate dalla Chiesa Cattolica Italiana, Sua Santità il Papa “Cultura del rifiuto” E questo “Esperimenti ideologici e populisti”, Uno è responsabile per lui “La crisi della democrazia”.

Il Papa ha messo in guardia dal dare l’esempio a qualsiasi Paese “Le ideologie (…) sono affascinanti.” “Alcuni li paragonano al suonatore di flauto di Hamelin. Ti seducono ma ti portano a negare”, Ha indicato la storia tedesca.

In vista delle elezioni europee, i vescovi di diversi paesi hanno già espresso preoccupazione per l’ascesa del populismo e del nazionalismo in Europa, mentre l’estrema destra è già al potere in Italia, Ungheria e Paesi Bassi.

Il leader di 1,3 miliardi di cattolici ha espresso la sua preoccupazione anche per il progresso dell’astinenza nel mondo: “Mi preoccupa il basso numero di persone che andranno a votare: cosa significa?” chiamando “Allontanarsi dalle polarità impoverinti”, George Bergoglio ha elencato gli ostacoli alla democrazia: “Corruzione e illegalità”IL “Il potere dell’autoreferenzialità”, Esclusione sociale, emarginazione e abbandono.

“Una cultura del rifiuto crea una città in cui non c’è posto per i poveri, i non ancora nati, i deboli, i malati, i bambini, le donne e i giovani.” Se ne è pentito e ha chiesto che la partecipazione fosse incoraggiata fin dall’infanzia.

READ  L'Italia ha 64 opzioni per la costruzione di parchi eolici costieri