Gennaio 22, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Dovremmo limitare i social network tra adolescenti?

Presentano rischi per alcuni utenti…

Secondo gli studi condotti da Facebook sul suo social network Instagram, questa applicazione esaspera il “confronto sociale” di un quarto dei suoi utenti. Inoltre, circa il 30% delle ragazze adolescenti pensa che aumenti l’insoddisfazione per il proprio corpo… ma l’azienda ammorbidisce i risultati del sondaggio inserendoli nel contesto. Cosa credi? Infatti, diversi studi indipendenti hanno già esaminato l’impatto dei social network sui giovani negli ultimi anni. Nel 2017, uno studio della Royal Society of Public Health su 1.500 giovani di età compresa tra 14 e 24 anni ha mostrato che Instagram ha causato una qualche forma di disagio adolescenziale – l’insorgenza di ansia, depressione o disturbi del sonno – e ha abbassato la loro immagine corporea. …che devono comunque essere ammissibili: “Quando un utente incontra problemi nella sua vita personale, vuole fuggire da una situazione o ha già una bassa autostima, è più probabile che sviluppi un uso problematico dei social network”Spiega Nina Harin, psicologa clinica specializzata in scienza delle dipendenze e dottoranda in psicologia all’Università di Tolosa.

>> Social network, email… No, Internet non fa male al cervello

…e spingerli a consumare sempre di più

App come Facebook o Instagram si basano sul confronto e sulla concorrenza social. Un aspetto che favorisce la FOMO (paura di perdersi) è la paura di perdersi qualcosa, ad esempio le foto di una festa. Questa sensazione spinge gli utenti a non abbandonare; Poiché i giovani si costruiscono attraverso gli occhi degli altri, soprattutto a scuola, sono più sensibili a questo richiamo al confronto sociale, per quanto riguarda l’aspetto fisico o la popolarità. Con i social network questa tendenza continua anche in casa, “Il risultato è un confronto più frequente con gli altri, di cui non necessariamente ci rendiamo conto in quel momento: sono troppo grasso; non sono abbastanza muscoloso; altri fanno più cose; le loro vite sono più belle…”Disegnato da Nina Harren.

READ  Mangia Semplice Mangia Sano Adottando la "Regola 3V"

>> Leggi anche: Televisione e social network.. Quali sono i rischi per i bambini?

Le giovani donne sono le più colpite

Le ragazze adolescenti sembrano sviluppare più facilmente l’uso problematico dei social media. Questa è la conclusione di uno studio tedesco pubblicato nel 2020 in computer nel comportamento umano, Il che spiega perché questo rischio sale al 61,5% nelle ragazze contro il 38,5% nei ragazzi, che sembrano essere più sensibili ai videogiochi. Le ragazze sono più attratte dalle interazioni sociali attraverso la loro istruzione. “I social network permettono loro di incontrare tante persone diverse”Illumina Nina Harren. Tuttavia, con Instagram, ad esempio, si confrontano costantemente con immagini di corpi femminili raffinati e perfetti attraverso l’uso di filtri di bellezza, che peggiorano alcune delle loro immagini corporee. Articolo pubblicato nel 2018 sulla rivista Chirurgia plastica facciale gamma Inoltre, accusa i filtri della realtà aumentata di promuovere disturbi mentali come la dismorfofobia, una patologia in cui un paziente è ossessionato da uno o più difetti fisici minori, anche immaginari.

Il divieto non è sempre una soluzione

Se i social network sono già vietati ai minori di 13 anni, è praticamente impossibile far rispettare questo limite di età. Alcuni giovani troveranno sempre un trucco per creare un account segreto e “Se i genitori consentono loro di avere un account a condizione che possano monitorarlo, possono creare altri account segreti in parallelo. “, osserva Nina Haren. Secondo lei, bloccare categoricamente i social network per i suoi figli è controproducente: il loro uso è radicato nella vita quotidiana e sociale e il loro arresto completo può rafforzare sentimenti negativi di ritiro o altri tipi di frustrazione, quindi cosa fare ? “Dobbiamo creare un ambiente favorevole alla discussione in cui i bambini possano parlare liberamente del loro uso dei social network. Se i genitori considerano molto importante il loro uso, possono lavorare con loro per brevi periodi di astinenza, senza telefono, durante i quali le attività manuali dovrebbero essere preferito”Lo psicologo spiega. È quanto suggeriscono anche ricercatori cinesi e giapponesi in uno studio pubblicato su Trimestrale Psicologico. Queste pause senza telefono sono più efficaci dell’astinenza completa.

READ  Il survival horror fantascientifico Hidden Deep arriva su Steam Early Access il 24 gennaio

in numeri

35%

Questa è la percentuale di giovani di età compresa tra gli 11 e i 15 anni in tutto il mondo che utilizzano i social network per comunicare la maggior parte della giornata, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità.

1/3

1/3 dei giovani utenti di Instagram afferma che l’app ha un impatto negativo sull’immagine del proprio corpo. Facebook, all’origine del sondaggio, indica un bias di campionamento.

63 %

Questa è la percentuale di bambini francesi di età inferiore ai 13 anni che hanno un account su almeno un social network, secondo l’associazione Génération Numérique.