Ottobre 6, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Dopo che i corpi di bambini sono stati scoperti nelle valigie, una donna è stata arrestata

I resti di due bambini sono stati trovati in due sacchi Nuova Zelanda. Questo giovedì, il Polizia Stradale La Corea del Sud ha annunciato l’arresto di una donna di 42 anni, sospettata di questi omicidi, a Corea del Sud. La donna, sospettata di essere la madre dei due bambini morti, è stata arrestata uccidere In Corea del Sud su richiesta della Nuova Zelanda, ha detto la polizia di entrambi i paesi.

Trasferire a alluvionesarà oggetto di azione Consegna, hanno aggiunto. “Giovedì la polizia ha arrestato la sospettata in un appartamento a Ulsan, dopo aver monitorato la sua posizione e le sue riprese video sorveglianza Lo ha detto l’Agenzia nazionale di polizia di Seoul in una nota.

“Nascosto” in Corea del Sud per quattro anni

“Il sospetto è accusato dalla polizia neozelandese di possederlo ucciso Due dei suoi figli, all’epoca di sette e dieci anni, si trovavano intorno al 2018 nell’area di Auckland”, afferma la dichiarazione, aggiungendo che “è arrivata in Corea del Sud dopo il crimine e si è trasferita lì”. E da allora mi sono nascosto. L’agenzia di stampa Yonhap ha riferito di essere una cittadina neozelandese nata in Corea del Sud.

I media locali hanno trasmesso il filmato di una donna che indossava sandali e jeans che è stata portata via dalla polizia e si è coperta la testa con un cappotto. “Non l’ho fatto io”, ha ripetuto la donna, rispondendo alle domande dei giornalisti mentre veniva trasportata in un’auto della polizia.

Raggiungere “estremamente difficile”

Al suo arrivo a Seoul, è stata scortata all’ufficio del procuratore centrale nella capitale sudcoreana in un’auto della polizia con i finestrini oscurati. La scoperta scioccante è È successo il mese scorso. Le borse facevano parte di un rimorchio carico di oggetti, che una famiglia ignara ha acquistato a un’asta di proprietà abbandonate ad Auckland, la città più grande della Nuova Zelanda.

READ  le vertigini dell'Unione europea si affacciano alla sobrietà

Secondo il funzionario di polizia di Auckland, l’ispettore investigativo Tufelaw Famanuya Vailua, restano da condurre numerose indagini, sia in Nuova Zelanda che all’estero, in questa “indagine estremamente difficile”.