Gennaio 22, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Disponibilità di centrali nucleari francesi al minimo

Con l’arrivo dell’inverno, la Francia sta entrando in un periodo critico per la sua fornitura di energia elettrica. E quest’anno più di ogni altro. Dei 56 reattori nucleari, 15 sono stati effettivamente spenti (tredici per manutenzione o rifornimento, due disponibili ma non collegati alla rete – reattore dell’impianto di Belleville (Scher) da ricollegare giovedì)e Si riferisce a EDF, che ha identificato i difetti nelle apparecchiature critiche in alcune centrali elettriche. Se non c’è pericolo immediato per la fornitura esistente, la sua rete di trasmissione elettrica (RTE) ha fornito, giovedì 30 dicembre, un aggiornamento per lui “Diagnosi” novembre, che ha messo i prossimi mesi sotto “Vigilanza speciale”.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Emmanuel Macron ha confermato la sua scelta a favore dell’energia nucleare cinque mesi prima delle elezioni presidenziali

“Abbiamo alzato il livello di vigilanza per gennaio, anche se le condizioni meteorologiche sono favorevoli nei primi giorni del mese, quando i rischi di ricorrere a mezzi eccezionali, o addirittura di distacco dei carichi sono molto bassi., Thomas Ferenc, Direttore Esecutivo Responsabile Strategia e Previsioni identifica il gestore di 100.000 km di linee ad alta tensione. Di fronte a due crisi sovrapposte: La situazione del mercato europeo, con l’aumento dei prezzi del gas e dell’energia elettrica, che continuerà; E la situazione speciale in Francia, che deve fare i conti con la mancanza di disponibilità della sua flotta nucleare. “

deterioramento strutturale

Tale diminuzione della disponibilità è strutturale, in particolare a causa delle interruzioni decennali durate diversi mesi, prima di qualsiasi decisione dell’Autorità per la sicurezza nucleare di estendere le centrali oltre i quarant’anni. Tuttavia, molti reattori che sono stati commissionati alla fine degli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80 si trovano in questo stato. ma per quelli verifica A ciò si aggiunge l’impatto dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19, che ha costretto l’operatore a posticipare al 2021-2022 la tempistica di questa “grande ristrutturazione”.

READ  Lo Stato acquista da Areva le ultime azioni di Orano per oltre 563 milioni di euro
Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati La Commissione Europea si prepara a classificare l’energia nucleare come energia verde

Infine, il 15 dicembre, l’EDF ha annunciato la moratoria o l’estensione delle fermate di Civaux (Vienne) e Chooz (Ardenne), le quattro unità più grandi (1450 MW ciascuna). E sono stati scoperti difetti nei tubi del circuito di iniezione di sicurezza (acqua perforata) per alcuni di questi reattori, l’ultimo dei quali è stato messo in funzione alla fine degli anni ’90, e da solo fornisce circa 5 milioni di persone. Il ministro per la Trasformazione ambientale, Barbara Bombelli, ha chiesto al FES di prendere provvedimenti Rafforzare la sicurezza dell’approvvigionamento a breve termine e guida “Revisione indipendente della supervisione industriale e ottimizzazione delle interruzioni dei reattori a medio termine”.

Hai il 56,51% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.