Luglio 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Diritti tv: i club rischiano di dover spartirsi le briciole

Diritti tv: i club rischiano di dover spartirsi le briciole

Quanto tempo resterà? Questa è la grande domanda a cui non tutti i presidenti dei club sanno rispondere, anche se hanno dovuto fissare il budget per la stagione 2024-2025 senza sapere quanti diritti tv avrebbero ricevuto. Una cosa è certa, a parte decisioni occasionali e cambiamenti delle regole, non rimarrà molto per loro.

Sulla base dell’offerta di DAZN di 375 milioni di euro di media in 5 anni per 8 partite su 9, inclusa un’altra emittente per l’ultimo incontro e la vendita del 100% delle partite semi-live, più 40 milioni di euro da beIN per il secondo livello, si può sperare che il campionato sia si prevede di ricevere circa 450-500 milioni di euro per il primo livello e il secondo livello. Si tratta di una cifra piccola e lontana dalle aspettative prevalenti qualche mese fa, che prevedevano circa 900 milioni di euro. “È un naufragio che si profila all’orizzonte.”preoccupa il responsabile di L1.

Rimarranno solo 200 milioni…

Una volta eliminata la tassa CVC, questa stagione di solito è del 20% a causa della compensazione per i primi due anni in cui il fondo non ha ricevuto nulla in accordo con la lega, che rappresenterebbe circa 130 milioni di euro, la tassa buffet (5% del l’importo dei diritti), e varie sovvenzioni versate alla federazione (un minimo di 14,2 milioni di euro secondo l’accordo concluso tra la Federcalcio francese e la Federcalcio spagnola) e per le varie federazioni di giocatori (1,09 milioni di euro), allenatori. (800.000 euro), club (1,1 milioni di euro) e altre famiglie (900.000 euro), la quota L2 che attualmente ammonta a 87 milioni di euro e i costi di gestione della Liga, più che raddoppiati con la nascita della nuova. società commerciale e di sede, L1 Clubs. Ripartizione del rischio di 200 milioni di euro in diritti nazionali.

READ  Santos predica Ronaldo e annuncia la sua festa in Nigeria!

Si possono trovare accordi, come è successo durante il Covid, con i sindacati che accettano di ridurre gli aiuti alle associazioni. Ma ciò non basterà ad aumentare significativamente la dotazione complessiva. Nel 2023-24, la Lega ha distribuito 413 milioni di euro in diritti nazionali a 18 club della Ligue 1, consentendo al Paris Saint-Germain di ricevere 43 milioni di euro e al secondo poco meno di 15 milioni di euro. Nello scenario in cui venisse scelta DAZN, i primi dovrebbero ricevere circa 15 milioni di euro, ovvero quanto hanno ricevuto finora i secondi, e i più bassi attorno ai 5 milioni di euro, ovvero quanto riceve la popolazione L2.