Ottobre 21, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Dietro il crollo di Facebook, la dipendenza dei media dal monopolio

Pubblicato in:

In tutto il mondo, migliaia di utenti di Internet hanno accolto con favore la recente interruzione di Facebook e il momento in cui è stato liberato. Se l’argomento ti fa sorridere, questi netizen stanno ignorando un grosso problema: in alcuni paesi, Facebook o i suoi affiliati come WhatsApp sono diventati i principali attori nell’accesso alle informazioni.

Per più di sei ore, lunedì 4 ottobre, non il minimo post su Facebook, non il minimo messaggio su Messenger o WhatsApp, non la minima storia di chat su Instagram. L’errore, storico, potrebbe essere dovuto a un errore durante l’aggiornamento. A causa della negazione dell’accesso, la maggior parte degli utenti di Internet si è ritirata In altre applicazioni Oppure hanno colto l’occasione per prendersi una pausa dalle loro vite altamente interconnesse.

Ma nelle redazioni di molti paesi, se questo problema fosse continuato, avrebbe potuto prendere una piega spiacevole. Facebook, e quindi le sue app WhatsApp e Instagram, sono relè di informazioni vitali. Sono “mediatori di informazioni”, intermediari che consentono ai giornalisti di raggiungere gran parte del loro pubblico. Anche in alcuni paesi Facebook e WhatsApp sono diventate le principali autostrade dell’informazione: le notizie arrivano direttamente all’utente, senza bisogno di cercarle.

fattori strutturali

Se questo non è il caso in paesi come la Francia o il Regno Unito, ad esempio in Brasile, le app di Facebook sono i principali lettori multimediali. ” Il Digital News Report 2021 del Reuters Institute mostra che il 47% dei brasiliani intervistati utilizza Facebook per informazioni e il 43% WhatsApp. Decifrato da Camilla Mount Alvern, ricercatrice post-dottorato presso il Reuters Institute dell’Università di Oxford. E il Brasile non è un caso isolato. Molti paesi, come Tunisia, Senegal, India e Sud Africa, sono particolarmente affezionati a questi due social network di informazione. In Nigeria le proporzioni sono maggiori che in Brasile: il 65% delle persone usa WhatsApp per seguire le notizie, il 53% è su Facebook. La dipendenza è significativa, perché se molte persone accedono a siti di notizie tramite questi mezzi, i siti avranno meno visitatori quando questi relè smettono di funzionare.

READ  Ricezione PS5 supportata con il tuo abbonamento in fibra (ma affrettati)

Tuttavia, questo accreditamento varia da paese a paese. Solo il 23% dei britannici intervistati dal Reuters Institute ha affermato di ottenere informazioni su Facebook e il 14% su WhatsApp. Per il ricercatore dell’Istituto Reuters, si spiega con fattori strutturali: ” Nel Regno Unito c’è un’alta concentrazione del sistema dei media, come la BBC, le persone hanno una forte connessione emotiva con questi media e tenderanno a consultarli per informazioni. In Brasile, Nigeria e persino in India i legami non sono forti. “Inoltre, il ricercatore specifica che in questi Paesi il pubblico ha difficoltà ad accedere ai media:” Non sempre hanno i soldi per pagare la quota di abbonamento o di solito vanno specificamente a guardare determinati media invece di altri. »

Anche la custodia della confezione del telefono è molto importante. In molti paesi dell’Africa o dell’America Latina, come in Francia, i dati cellulari sono illimitati se usi Facebook o WhatsApp, ma non se usi un altro browser o app. Temendo costi aggiuntivi, gli utenti di Internet possono evitare di accedere direttamente ai siti dei media tramite un motore di ricerca. Collegamenti pubblicati nelle discussioni di WhatsApp o condivisi dagli amici di Facebook e quindi collegano i media e il loro pubblico.

Vantaggi e rischi

Perché i media impongono una tale dipendenza da questi social network? Per Camilla Monte Alvern la risposta è semplice: ” Il pubblico potenziale è là fuori: il pubblico dei media che funzionano senza social network è solitamente più piccolo del pubblico che li utilizza. “Facebook, Instagram e WhatsApp, si sono accumulati 6,1 miliardi di conti nel 2021, o l’equivalente di decine di centinaia di milioni di persone. Anche in alcuni paesi, Facebook e WhatsApp sono diventati strumenti giornalistici che collegano i giornalisti con il loro pubblico. ” Alcuni media hanno account WhatsApp, dove le persone possono suggerire argomenti da trattare o trovare le ultime notizie pubblicate sul sito web dei media. ‘, spiega il ricercatore di Oxford.

READ  Il vaccino Pfizer è ancora efficace contro le forme gravi dopo sei mesi

Questi benefici comportano dei rischi: una dipendenza più profonda dai social network che, quando si guastano, interrompono tutti i collegamenti tra il pubblico e i media. Tuttavia, ripetere un sito è una scommessa economica vitale per l’azienda di stampa, come ricorda Camilla Mont-Alvern: “ Quando Facebook o Instagram smettono di funzionare, è molto difficile per i media mantenere un buon livello di traffico sui propri siti. Per alcuni media, penso che un tale fallimento possa essere molto critico. »

A questa dipendenza si aggiunge tutta l’esistenza su queste reti di disinformazione. Infox condiviso da Sostenitori dei candidati presidenziali brasiliani nel 2018 Un promemoria: le notizie condivise dai cosiddetti siti attendibili ti portano a molte persone notizie false. « WhatsApp ha un problema particolare: è uno spazio chiuso e sicuro, ed è difficile per i ricercatori sapere cosa stanno condividendo e come gli utenti utilizzano questo strumento. Il ricercatore ammette. Allo stesso tempo, questo rende più difficile il lavoro dei giornalisti: le fake news possono diffondersi in gruppi chiusi per un certo periodo, prima di essere rilevate da un media per la verifica.

Se un blackout completo e prolungato sembra improbabile, il crollo di inizio settimana ricorda una cosa: con così tanti altri “mediatori di informazioni” in possesso, Facebook ha creato un monopolio da cui dipendevano i media. E quando Facebook si blocca e le app di terze parti si bloccano, gran parte del legame che collega i media al suo pubblico viene interrotto.

In Europa e negli Stati Uniti sono in corso discussioni per rompere il monopolio di Facebook impedendole di possedere queste varie applicazioni. Una quota importante di Camilla Monte Alvern: ” Se consideri che queste piattaforme hanno un impatto non solo sul modo in cui le persone si educano, ma anche sul modo in cui gestiscono la propria attività, perché alcuni usano WhatsApp per comunicare con i propri clienti o essere pagati, questo è un problema. Una società li possiede tutti. Tuttavia, le leggi stentano a seguire e la fine del monopolio di Facebook non sembra ancora rilevante, nonostante le testimonianze degli informatori. Come Francis Hogan I governi possono spingere per legiferare.

READ  Ferrero lancia le sneakers Kinder Bueno per celebrare i 30 anni del brand

Leggi anche: Stop Facebook, Instagram e WhatsApp: “Fai la domanda sulla centralizzazione digitale”