Gennaio 29, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Diesel vicino nel prezzo? Perché l’embargo sui prodotti petroliferi russi potrebbe causare un aumento della pompa

di base
All’inizio di dicembre è stata presa la decisione di limitare a 60 dollari al barile il prezzo del petrolio che la Russia vende ai paesi occidentali. I paesi dell’Unione Europea, poi i paesi del G7 e l’Australia hanno raggiunto un accordo. Un altro limite sui prodotti petroliferi russi dovrebbe entrare in vigore dal 5 febbraio. Questo potrebbe cambiare molte cose per gli automobilisti diesel.

A poco a poco, i francesi iniziarono ad abituarsi. Mentre prima della guerra in Ucraina, che ha cambiato completamente le carte in tavola nel commercio mondiale di materie prime, il gasolio era sempre a buon mercato rispetto alla benzina nelle stazioni, negli ultimi mesi la tendenza si è invertita. Finora, vediamo che il prezzo per litro di diesel è di diversi centesimi in più rispetto al 95 o 98 senza piombo.

Leggi anche:
Prezzi della benzina: Elisabeth Bourne annuncia un sussidio per il carburante di 100 euro per i 10 milioni di francesi più poveri

Secondo il sito carbu. comAl 6 dicembre 2022, il prezzo medio di 98 lire siriane era di 1.798 euro al litro in Francia e il prezzo di 95 lire siriane era di 1.748 euro, mentre il prezzo del gasolio è salito a 1.824 euro. E i prossimi mesi non dovrebbero cambiare la situazione, anzi.

Presto un tetto per i prodotti petroliferi

Venerdì 2 dicembre, “il G7 e l’Australia (…) hanno raggiunto un accordo su un prezzo massimo di 60 dollari al barile per il greggio russo trasportato via mare”, hanno annunciato all’epoca questi paesi in un comunicato stampa congiunto. settimana. Obbiettivo ? Limitare la Russia, che non è più in grado di vendere petrolio a prezzi di mercato ai paesi occidentali.

READ  NFT: acheté 3 milioni di dollari, il premier tweet di Jack Dorsey ne vaut plus rien

Leggi anche:
Guerra in Ucraina: l’embargo sul petrolio russo spingerà i prezzi alla pompa?

Ma questa misura non si applica ai prodotti petroliferi, cioè il petrolio convertito, ad esempio, in diesel, che la Russia vende. eccezione temporanea…

In effetti, i paesi del G7 e l’Australia hanno specificato nel loro comunicato stampa congiunto che anche questi popolari prodotti petroliferi russi dovrebbero essere fissati a partire dal 5 febbraio 2023. Il problema: “Dipendiamo più dal diesel russo che dal greggio”, dice Philippe Chalmene, uno specialista del mercato.La materia prima che hai chiamato La Dépêche. Da qui il pericolo che “la differenza tra benzina e gasolio si allarghi a discapito del gasolio”.

dubbi

Tuttavia, queste previsioni rimangono altamente incerte. “Martedì ancora, abbiamo visto che un barile di greggio Brent è sceso al di sotto del livello di 80 dollari, il che ha solo peggiorato le prospettive del mercato”.

E come promemoria, ha annunciato TotalEnergies lo scorso marzo Il suo desiderio di “risolvere i contratti per l’acquisto di gasolio russo il prima possibile e al più tardi entro la fine del 2022”, con il progetto “di mobilitare prodotti petroliferi da altri continenti” e “soprattutto la sua quota di gasolio prodotto dalla raffineria SATORP nel Regno dell’Arabia Saudita”.

Così, una parte sempre più consistente del gasolio distribuito in Francia negli ultimi mesi proviene dall’Arabia Saudita, ed è stato importato via nave, piuttosto che dalla Russia tramite oleodotti, mentre “le forniture di gasolio in Europa sono state inferiori a questo prodotto nel 2021 (circa il 12% delle importazioni di gasolio russo in Europa), afferma TotalEnergies.

«Questo è uno degli elementi che potrebbe spiegare l’aumento dei prezzi del gasolio rispetto alla benzina negli ultimi mesi», riassume Philippe Chalmene. L’ansia che incombe nelle prossime settimane è quindi legittima.

READ  Più di 214 milioni di euro di ammendes dressés par la Cnil, une année « record »