Gennaio 31, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Di fronte agli scioperi, TotalEnergies ed Esso-ExxonMobil si preparano a negoziare

Automobilisti sull’orlo, pressione politica … TotalEnergies domenica si è offerta di portare a ottobre le trattative salariali annuali, in risposta alla mano tesa della CGT, a condizione Per porre fine agli ostacoli nelle raffinerie e nei depositi di carburante, mentre la Esso-ExxonMobil prevede di riunire i sindacati lunedì. Alle 15 di domenica, il 29,7% delle stazioni di servizio in Francia utilizzava almeno un carburante (rispetto al 21% di sabato), ha affermato il ministero della Transizione energetica.

In TotalEnergies, le trattative da ottobre anziché novembre consentiranno “di determinare come i dipendenti beneficeranno, entro la fine dell’anno, degli eccezionali risultati raggiunti da TotalEnergies, tenendo conto dell’inflazione per il 2022”. Il gruppo che gestisce quasi un terzo delle sue stazioni di servizio in Francia.

CGT richiede un aumento del 10%.

Da quando il movimento è iniziato dieci giorni fa, la CGT ha chiesto un aumento del 10% dei salari – 7% per l’inflazione, 3% per la condivisione della ricchezza – dopo che il gigante dell’energia ha incassato 10,6 miliardi di dollari di profitto nella prima metà del 2022.

“Studieremo da vicino le proposte e ci incontreremo domani mattina con le varie sedi per decidere sulla continuazione del movimento”, ha rispostoAgenzia di stampa francese Eric Cellini, coordinatore CGT di TotalEnergies, ha lamentato la mancanza di uno scambio diretto di gestione con il sindacato. Il ministro per la transizione energetica, Agnes Pannier-Runacher, ha accolto con favore l’annuncio di TotalEnergies, affermando che il conflitto deve “finire”.

Discussioni salariali

Da parte sua, la direzione della società francese Esso-ExxonMobil ha annunciato domenica sera in un comunicato stampa l’intenzione di riunire lunedì le “quattro organizzazioni sindacali che rappresentano i lavoratori”. Il gruppo, le cui raffinerie sono state chiuse in Francia, si dice “convinto (che) la qualità del dialogo sociale continuo e ininterrotto con le organizzazioni che rappresentano i dipendenti consentirà di porre fine rapidamente al conflitto”.

READ  Auchan assume rester en Russie, une décision justifiée "du point de vue humain" selon son PDG

Le discussioni sugli stipendi sono iniziate a Esso France il 20 settembre. La proposta attualmente in discussione è stata approvata solo dal CFE-CGC. Domenica la filiale francese del gruppo americano ha chiesto la fine dello sciopero. Negli ultimi giorni sono aumentate le pressioni dei funzionari governativi sui due gruppi e sugli scioperanti per negoziare.

“Vorrei ribadire l’appello molto risoluto del Governo ai vertici e ai sindacati di TotalEnergies ed Esso: una soluzione va trovata senza indugio nel quadro del dialogo sociale (…) I francesi non devono più subirne le conseguenze di un movimento sociale”, ha detto la signora Pannier-Runacher.

Rifornimento in Belgio

Agnès Pannier-Runacher ha esortato “tutti i nostri cittadini a non accumulare scorte”, poiché alcune stazioni di servizio sono state prese d’assalto con il 30%-35% del consumo aggiuntivo.

A partire da domenica, molti di loro stavano ancora affrontando la rottura. “Sono un tassista, non ho potuto lavorare per due giorni”, ha detto Thierry, 60 anni, che è diventato impaziente dopo tre ore di attesa per una consegna alla stazione Esso in Boulevard de la Villette a Parigi. .

Nelle stazioni di servizio domenica la situazione è peggiorata in Hauts-de-France, dove il 54,8% era in difficoltà, e nell’Ile-de-France, dove il 44,9% era in difficoltà. Rottura su almeno un carburante.

Il governo, che ha già fatto affidamento sulle riserve strategiche del paese e sull’aumento delle importazioni di carburante per far fronte alla crisi, ha indicato che le autocisterne potevano circolare per tutto il fine settimana.