Luglio 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Cresce la preoccupazione per l’influenza aviaria: ‘Quello che succede negli Usa potrebbe succedere anche qui’

Quindici inquinamenti umani dal 2022

Dall’apparizione di una nuova versione del virus nel 2022, sono stati segnalati quindici casi umani a livello globale: due in Cina, due in Spagna, cinque nel Regno Unito, quattro negli Stati Uniti, uno in Ecuador e uno in Cile. . La maggior parte delle infezioni (11 su 15) sono state attribuite al contatto con animali contaminati.

Anche in Europa cresce la paura dell’epidemia. A titolo precauzionale, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare raccomanda che le persone esposte a volatili potenzialmente infetti, come i lavoratori durante le operazioni di macellazione o le persone a stretto contatto con i mammiferi selvatici, si proteggano e siano sottoposte a una sorveglianza attiva post-esposizione.

Segnalata la prima morte umana dovuta al virus dell’influenza aviaria H5N2, dovremmo preoccuparci? L’Organizzazione Mondiale della Sanità sta valutando

Ma in Belgio le autorità vogliono essere rassicurate. “Finora nel 2024 non si sono verificati focolai negli allevamenti di pollame o tra gli allevatori amatoriali, con i casi più recenti negli uccelli selvatici risalenti al 19 e 21 gennaio 2024.“, sottolinea un portavoce dell’Agenzia federale per la sicurezza della catena alimentare (Afsca). Tuttavia, settembre – che segna l’inizio della stagione migratoria degli uccelli – è considerato più importante. “Durante questo periodo aumentano i contatti tra uccelli allevati e uccelli selvatici potenzialmente contaminati spontaneamente a causa delle migrazioni. Gli uccelli selvatici sono un grande incubatore per la malattia e dobbiamo essere più vigili in autunno.“, conferma il portavoce dell’agenzia.

Afsca spiega anche che qualsiasi mortalità sospetta tra gli uccelli selvatici fa scattare le analisi. “Il settore avicolo è molto vigile e consapevole del potenziale impatto di questo virus sugli allevamenti. Pertanto, questo settore è pronto a rispondere in caso di incertezza o incertezza. Le misure di biosicurezza come il confinamento del pollame e l’alimentazione in rifugi, il non utilizzo di acque superficiali non trattate e la delimitazione di zone di protezione e di sorveglianza attorno ai focolai identificati costituiscono strumenti efficaci di monitoraggio e controllo, come dimostrato in passato.

READ  Rotazione possibile! Rennes College of Law and Political Science giovedì 14 aprile 2022

“Se l’H5N1 si diffondesse silenziosamente in questo ospite, ciò costituirebbe un ulteriore motivo di preoccupazione”.

Probabilmente i danni saranno più del Covid

Ma per Marius Gilbert, epidemiologo dell’Université Libre de Bruxelles (ULB), “Non è affatto improbabile che ciò che sta accadendo oggi negli Stati Uniti possa un giorno accadere anche in Europa”.“.Ciò è preoccupante perché una pandemia di influenza aviaria potrebbe fare più danni del Covid in termini di morti. Attualmente, il 40% dei casi registrati è deceduto a causa di ciò, anche se il tasso di mortalità è in realtà superiore al 2-3% perché i casi lievi non compaiono così spesso come quelli gravi, ma questo non è insignificante.Lui spiega.

“Al momento non abbiamo la certezza che un giorno il virus possa essere trasmesso da persona a persona. Ci sono ancora diversi passaggi prima di arrivarci, ma abbiamo segnali di allarme come il fatto che i visoni, una specie in contatto con gli esseri umani, potrebbe avere una causa.” Preoccuparsi.Il mondo segue.

Benedikte Lambrecht, responsabile del reparto di virologia e immunologia aviaria di Sciensano, ritiene che la situazione negli Stati Uniti debba essere attentamente monitorata. “In Europa è stato segnalato che i mammiferi carnivori sono infetti. Ma ciò che sta accadendo negli Stati Uniti è su una scala diversa. Sembra che ci sia stata un’unica introduzione di contaminazione in un allevamento di bestiame che poi si è spostata tra aziende agricole in più di una dozzina di stati, principalmente attraverso lo spostamento di mandrie e attrezzature agricole contaminate. Cariche virali molto elevate si trovano nel latte delle mucche infette.”, Spiega il mondo.

READ  Scienze. Quattro dottori onorari dell'Università di Strasburgo

Segnalata la prima morte umana dovuta al virus dell’influenza aviaria H5N2, dovremmo preoccuparci? L’Organizzazione Mondiale della Sanità sta valutando

“Potremmo trovarci in una situazione simile in Europa, ma finora tutte le analisi retrospettive sugli allevamenti in Europa si sono rivelate negative. Bisogna sottolineare ancora una volta che il virus attualmente circolante è ancora un tipico virus aviario, che può infettare sporadicamente i mammiferi. non è stato osservato”. Benedict Lambrecht identifica.