Dicembre 9, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Credito ipotecario: prestiti difficili da ottenere dopo 45 anni e cinque strategie per aggirare il tasso di erosione

Bloccati tra il tasso di usura e l’assicurazione più alta del mutuatario rispetto ai più giovani, molti di età superiore ai 45 anni incontrano difficoltà nell’ottenere prestiti per i loro progetti immobiliari. Ma le soluzioni sono ancora possibili per raggiungere i loro scopi.

Ottenere un mutuo per la casa dopo i 45 anni sta diventando un compito impossibile? Tuttavia, nel fiore degli anni e con un reddito elevato, molti mutuatari si trovano attualmente ad affrontare le peggiori difficoltà nel passare le loro pratiche di credito.

“Dato l’attuale basso intervallo tra il credito e i tassi di usura, le costose assicurazioni per il mutuatario possono bloccare rapidamente il prestito”, osserva Cecile Rockellor, direttore degli studi presso Broker Empruntis. Chiunque abbia più di 45 anni può avere un’assicurazione del mutuatario fino a 4 volte il costo di un trentenne.

Qual è il tasso di usura?

Il tasso di usura corrisponde al tasso annuo effettivo totale oltre il quale le banche non possono concedere prestiti.

In pratica, include quindi il tasso di interesse, i costi collaterali, l’assicurazione del mutuatario e le spese amministrative.

“Dato che al momento il costo del denaro per le banche è elevato, non hanno spazio di manovra e offrono tassi di credito elevati anche alle famiglie benestanti”, continua.

A volte situazioni inaspettate

La situazione attuale a volte presenta situazioni inaspettate. ‘Avvisare i clienti a voltePrendi in prestito di più per passare un file, spiega Pierre Chabon, co-fondatore del broker Brito. Quando il mutuatario ha un acconto importante e richiede una piccola somma alla banca, il rischio è che i costi fissi abbiano più peso nel calcolo del TAEG e il prestito venga trattenuto.

READ  Fine degli applausi per il Boeing 747, il primo jumbo jet della storia

In ogni caso, se è impossibile ottenere il prestito a causa del tasso di usura superato da costose assicurazioni del mutuatario, diverse strategie possono permetterti di raggiungere i tuoi obiettivi nonostante tutto.

Quali soluzioni per aggirare il tasso di usura?

Il primo di questi è Prova a trovare un’assicurazione più economica. “È incoraggiante ora che le banche siano più flessibili. Possono accettare di non fornire assicurazioni al mutuatario e andare avanti con un mandato assicurativo in modo che il tasso effettivo complessivo rimanga all’interno del tasso del mutuatario”. Dice Pierre Chabon. A volte devi negoziare un po’. Il mutuatario può, ad esempio, offrire alla banca in cambio dell’affidamento dell’assicurazione della sua casa o della sua auto.

In caso di rifiuto delle banche o impossibilità di trovare un’assicurazione più competitiva per il mutuatario, Cecile Rockellor fa notare che chi prende in prestito in coppia può chiedere ‘Ridurre la loro quota assicurativaConcretamente, se questa percentuale si riduce al 75% e un mutuatario muore prima della restituzione totale del credito, l’altro dovrà continuare a pagare il restante 25%.

“Anche lì si sta negoziando con la banca, come definisce Pierre Chabon. Il vantaggio è che permette di ridurre meccanicamente il peso dell’assicurazione del mutuatario. E nulla impedisce alla famiglia di rivolgersi alla cassa di previdenza. Il che consentirà deve essere coperto al 100%.

Il tasso regolabile è limitato, alleato o trappola?

Un’altra opzione che è scomparsa dai radar negli ultimi 10 anni ma che è recentemente tornata in auge è l’uso di Prestiti a tasso variabile. “Consentono di ottenere all’inizio tassi di credito più allettanti di un prestito convenzionale”, spiega Pierre Chabon, co-fondatore del broker Brito. D’altra parte, questo tasso verrà modificato al rialzo o al ribasso ogni anno in base al mercato sviluppo.”

READ  Bruno Le Maire conferma, attraverso lo studio di supporto, che non ci sono “beneficiari” nel settore alimentare

Invece di un tasso fisso dell’1,9%, il mutuatario, secondo il broker, può ottenere un tasso massimo regolabile dell’1,65%. Ma questo può essere rischioso, perché questo prezzo seguirà la curva del mercato.

“Bisogna stare attenti alle offerte, avverte Pierre Chabon. Con un price cap di 1, il rischio è limitato, poiché il tasso di credito può variare dell’1% al rialzo o al ribasso. Se invece si fissa un tasso di riconsiderazione a 2 può aiutare un investitore esperto e non lo consiglio a mutuatari inesperti”.

Infine, Cecile Roquelure ha finalmente proposto due possibili soluzioni. “prestito multilinea Consente, ad esempio, di prendere in prestito parte dell’importo in 10 anni e l’altra parte in 20 anni per rendere il tasso annuo effettivo annuale inferiore al tasso di usura, spiega. Infine, a volte è anche possibile prendere in prestito sotto forma di famiglia SCI. Per questi ultimi il trattamento è leggermente diverso dai mutuatari tradizionali. Alcuni broker offrono questa opzione per superare casi difficili”.