Dicembre 6, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Creatività: ecco come nascono le idee nel cervello…

Si potrebbe pensare che “per essere creativi, devi lasciare vagare i tuoi pensieri”. In effetti, la creatività non riguarda solo il vagare con la mente: devi anche avere il controllo per scegliere le idee migliori. È così che due reti cerebrali entrano nel valzer a tre toni.

>>Leggi anche: Sei creativo? Fai il test.

Rete in modalità predefinita e rete di controllo, divertente duo

Devi trovare un’idea regalo emozionante per il tuo partner. Elabora un progetto originale per questo lavoro. Oppure crea un delizioso menu con gli avanzi del tuo frigorifero. Non è sempre facile? La creatività dipende da un processo complesso che coinvolge diverse reti cerebrali, due delle quali sono le reti principali.

p>

Da un lato, la rete “modalità predefinita”. Quest’ultimo si attiva una volta che ti immergi nei tuoi pensieri interiori o nell’autoriflessione. Risveglia diverse regioni del cervello come l’ippocampo, che è associato alla memoria, o l’amigdala, che è associata alle emozioni. Grazie a questa rete, i collegamenti di idee appaiono spontaneamente. Ma per essere creativo ha bisogno del suo partner: la rete di controllo.

La rete virtuale e la rete di controllo raramente lavorano insieme. Di solito sono in qualche modo scollegati: il primo è attivo quando siamo a riposo, e il secondo assume compiti esecutivi come l’apprendimento o il pensiero.

“Nel processo della creatività, la rete di controllo valuta le scelte, previene le scelte inappropriate e sceglie il meglio”, descrive Emmanuelle Volle, MD, neurologa e ricercatrice presso l’INSERM’s Brain Institute. In altre parole, svolge il ruolo di cane da guardia per tenere a mente le idee più creative. Ma non solo. “Questa rete permette anche di indirizzare la ricerca di idee creative”, sottolinea il ricercatore. “È un po’ come un filo conduttore.”

READ  Quando i venti di Marte ti permettono di conoscere l'interno della Terra

Così la creatività sarà basata sul tandem di reti contrapposte. Se uno di loro aveva una malattia neurodegenerativa, la creatività risultava ridotta nei pazienti. Questo è ciò che ha permesso di fingerestudiocondotto da Emmanuel Foley e dai suoi colleghi di ricerca, per far luce sul ruolo di questi due sistemi.

Recentemente, abbiamo scoperto che c’è un terzo attore che potrebbe fare parte….

SAILLANCE NETWORK, UN PONTE TRA FANTASIA E REALE?

La rete in sospeso può essere chiamata rete di individuazione. Segnale di pericolo, stimoli sorprendenti nell’ambiente esterno o nel nostro mondo mentale: nulla gli sfugge!

Nella creatività, questa rete è un vero radar. “Scansiona” le idee associative che appaiono nella griglia della modalità predefinita. Il migliore viene filtrato e poi inviato alla rete di controllo per la convalida. Così la maglia prominente può svolgere il ruolo di “slot”.

La creatività non è altro che un avanti e indietro tra spontaneità e controllo, che sarà raggiunto grazie a questo mezzo. sìConfermato per partecipareI dati non hanno ancora stabilito il suo ruolo di mediatore.

>> LEGGI ANCHE: Cosa succede nel tuo cervello quando sei “sulla luna”?

Possiamo stimolare la creatività?

Sembra così. “La motivazione è un fattore chiave nella creatività”, sottolinea il ricercatore. Anche se il cervello è in grado di produrre buoni pensieri, devi comunque volerli. La motivazione non deriva dall’aspettativa di una ricompensa imminente, ma dal compito stesso. Se a un individuo piace cercare idee, è più probabile che ne trovi di buone.

Anche le emozioni possono avere un ruolo. Lo stress da scadenza, la paura della pagina bianca… è dannoso. “Con il mio team di ricerca, abbiamo implementatostudio(Disponibile in preprint) Durante il primo periodo di confinamento”, descrive il ricercatore. “I risultati sono convincenti: i soggetti che hanno sperimentato stress o ansia durante questa fase hanno sperimentato un calo della loro creatività, mentre in generale, i partecipanti hanno riportato una maggiore creatività durante questi due mesi .”

READ  Blue Origin sta costruendo la sua stazione spaziale

Al contrario, le emozioni positive e corroboranti sono molto utili. “La gioia, ad esempio, è un ottimo stimolo e genererà pensieri più lontani”.

Anche nutrire la sua memoria è importante. La creatività dipende dall’organizzazione della memoria semantica e dalla capacità di navigare in essa. Più ricca, diversificata e interconnessa è la conoscenza, più utile è la creazione.

Infine, c’è una strategia da adottare quando non siamo in grado di risolvere un problema. Se la soluzione non arriva, dovremmo mettere da parte il problema e iniziare un’attività completamente diversa. Questo è chiamato il periodo di incubazione. Quest’ultimo può portare a un momento “eureka”, quando la soluzione si apre quando non ci pensiamo troppo. “Anche se non ne siamo consapevoli, le associazioni di idee continuano a verificarsi dopo il compito creativo”, spiega il ricercatore.

Infine, può sembrare ovvio, ma per essere creativi, il sonno dovrebbe essere buono e rinfrescante. Assicura la fluidità mentale del giorno successivo e consente alle reti virtuali e alle reti di controllo di lavorare insieme in modo ottimale.

>> Sei interessato a questo argomento? Ecco alcuni altri suggerimenti per aumentare la tua creatività.