Gennaio 24, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Cos’è il Web3 e come può cambiare il volto di Internet

Chiamato da Elon Musk “chiacchiericcio”. Tuttavia, Web3 è stato annunciato come il prossimo importante passo avanti del web mentre dipinge le sue prime pietre miliari. Decodifica e visualizzazioni.

Nel 2005, la rivista cablata ho pubblicato un articolo autorizzato Sei pronto per il web 2.0?, interrogandosi sul web come lo conosciamo oggi. “Nessuno può essere d’accordo su cosa significhi Web 2.0, ma l’idea è che questa nuova Internet più collaborativa stia creando un ronzio che ricorda la fine degli anni ’90”.-Possiamo leggere. Infatti, quando il giornalista ha scritto queste righe, la seconda iterazione del web aveva già iniziato a sostituire la prima, con stime che il passaggio sarebbe avvenuto tra il 2004 e il 2005, quando Facebook, ad esempio, è apparso. Ma ci sono voluti diversi anni per scoprirlo.

È evidente che il web sta tornando a svilupparsi, grazie all’emergere di nuove tecnologie e ai numerosi scandali che colpiscono le principali piattaforme web. I nostri dati vengono utilizzati in modo improprio da coloro a cui li affidiamo, il che tende a riaccendere la torcia filosofica della rete su cui e per gli utenti costruire, alla ricerca del decentramento. Le caratteristiche che dovremmo trovare nel Web3 o nel Web 3.0, che avrebbero già iniziato a cambiare.

Cos’è il web?

Tim Berners-Lee © Getty Images

Per cominciare, dovremmo prima tornare alla genesi del web. Internet è una rete informatica globale accessibile al pubblico in generale, composta da milioni di reti pubbliche, private, accademiche, commerciali, governative, ecc. Le informazioni circolano su Internet grazie a un insieme standardizzato di protocolli di trasferimento dati, che ha permesso di creare diverse applicazioni come la posta elettronica, la messaggistica istantanea e persino il famoso World Wide Web. È il lavoro di un informatico britannico di nome Tim Berners-Lee, che ha registrato il nome nel 1990. Nel 1993 è apparso il primo browser web.

Web 1.0, il web statico

Quindi Web 1.0 copre un periodo dal 1990 al 2004-2005. Imparentato Web staticoPrincipalmente consultivo e libero dalle principali interazioni dell’utente. L’uso principale che viene utilizzato è quello di adattare il contenuto reale al contenuto predefinito e fornire agli utenti di Internet la possibilità di fare riferimento ad esso. Forse l’esempio più eloquente è l’articolo di giornale duplicato sul web.

Alcuni parlano del sistema “push”, che consente di distribuire le informazioni solo in una direzione, dall’autore al lettore. Uno suggerisce e l’altro consulta. Il Web 2.0 ha iniziato a emergere intorno agli anni 2000: gli utenti di Internet volevano creare contenuti.

Web 2.0 come lo conosciamo

Ne parliamo qualche volta Condivisione web, a differenza del web statico menzionato in precedenza. Oggi si stima che questo cambiamento sia iniziato intorno al 2004, quando sono comparsi i primi social network. Il Web 2.0 è definito in gran parte dalla creazione di contenuti personali, come i blog. Le community si formano, nei forum, sulle piattaforme di raccomandazione, sui social network. L’idea non è più solo usare il web per rispondere a una domanda, ma dare vita a idee e persone. Ma anche qui l’utente viene aggirato da questi orchi, il più malvagio dei quali oggi si chiama Gafam. Parliamo su Twitter, come su Facebook, commenti su TripAdvisor, ecc.

Queste aziende flirtano regolarmente con il monopolio, succhiano dati dagli utenti di Internet, guadagnano molti soldi, minacciano la regolamentazione … Il Web, che avrebbe dovuto dare libertà alle persone, è finalmente incentrato su alcuni grandi nomi che controllano lo spazio digitale e si scontrano con le nazioni. In questo periodo alcuni sognano un web che riporti l’utente al centro di cambio, alimentando la filosofia Web3.

“Sistema non funziona”, Allarmi Tim Berners-Lee, at incontrandosi con custode Nel 2017. Nello stesso anno pubblica una lettera aperta in cui svela i tre problemi che, a suo dire, impediscono al Web di realizzare il suo vero potenziale come strumento al servizio dell’intera umanità: falsa informazione, pubblicità politica e abuso. di dati personali.

Cos’è Web3?

Disegnare il contorno per il web 3 è un atto di equilibrio. In generale, si tratta di creare un’alternativa decentralizzata al World Wide Web, con molti obiettivi filosofici: minare la censura, restituire agli utenti di Internet il controllo dei propri dati, combattere il potere delle grandi piattaforme, modificare le schede proprietarie sul Internet. Le tecnologie esistenti stanno già plasmando ciò che renderà questa terza iterazione del web: blockchain, intelligenza artificiale, cloud eedge computingRealtà virtuale, Internet of Things (IoT), applicazioni decentralizzate…

“Web3 riguarda prendere ciò che bitcoin ha fatto con il denaro e applicarlo a tutto.”, infografica di Juan Bennett, fondatore di Protocol Labs, in un lungo discorso al Web3 Summit del 2018. Prendiamo spesso l’esempio del monitoraggio dei prodotti nella catena alimentare, che può essere reso possibile grazie alla blockchain. “Rendere le cose verificabili è la caratteristica principale di questo spazio”, Segue Scienziato Informatico. È davvero difficile non confrontare Web3 e lanciare innumerevoli progetti intorno a blockchain e criptovalute, innovazioni in parte ereditate dalla filosofia Cypherpunk (vedi l’eccellente miniserie di Arte su Il segreto di Satoshi).

Web3 può contare su risorse serie. Decentramento significa che Web3 non sarà controllato da un’autorità centrale, ma dai suoi utenti. Questo decentramento servirà di per sé alla sicurezza della rete: in caso di attacco a una piattaforma, il bersaglio che ora è uno (il server centrale) si trasformerà in più bersagli, ovvero tutti i bersagli. il network. Le informazioni pubblicate saranno inoltre non modificabili e tracciabili. Anche l’anonimato sarà meglio preservato: quando si scambiano criptovalute su piattaforme decentralizzate, l’unico dato comunicato è il numero del portafoglio digitale, ad esempio.

La promessa è anche: regolamentare la divisione della proprietà tra chi costruisce la tecnologia e chi la usa. Comprendi, responsabilizza gli utenti, premiali. Utopia? Non sono del tutto sicuro quando notiamo l’emergere di NFT, questi sono i titoli di un file online, spesso deriso ma utilizzato per certificare l’autenticità del lavoro o come mezzo di pagamento per sostenere determinati progetti.

Web 3: caos organizzato nel cyberspazio?

Indovina qual è stato uno degli usi diffusi del bitcoin, questa valuta digitale indipendente dal sistema bancario internazionale? Acquista droga, armi e video pedopornografici sul dark web, in particolare sul sito web di Silk Road che è finito per essere invaso dai tribunali.

Questo parallelo non è banale perché il decentramento significa un indebolimento teorico del controllo. Come può essere punito qualcuno che fa commenti razzisti su una piattaforma decentralizzata in cui il suo anonimato è tenuto segreto? Come si eliminano questi commenti in modo che non vengano pubblicati troppo? Se non sono più piattaforme e paesi a garantire il rispetto dei diritti fondamentali, si basa sulla fiducia tra gli utenti. Vaghiamo nell’ignoto.

C’è chi, però, non è convinto dall’idea di Web3. Elon Musk, capo di SpaceX e Tesla, già fan delle criptovalute e molto attivo sui social, ha recentemente risposto a un tweet semplicemente collegandosi a Web3 a “chiacchiericcio”. comprendere, “chiacchiericcio”.

E se fossimo già in Web3?

E se Web3 esiste già? C’è un Web3. Fondazione, che si è data una missione “Sviluppo di applicazioni avanzate di protocolli software web decentralizzati” E da “La passione è fornire Web 3.0, un Internet decentralizzato ed equo in cui gli utenti controllano i propri dati, identità e destino”. Alla sua testa, Gavin Wood, informatico inglese e co-fondatore di Ethereum, è ritratto come “App Web 3.0”.

in un Post sul blog Da cui possiamo isolare decine di citazioni e che vi invitiamo a consultare, spiega: “L’adozione del Web 3.0 non sarà rapida o pulita. Con interessi acquisiti che controllano molti dei nostri stili di vita digitali e gli interessi spesso allineati di legislatori, governo e monopoli tecnologici”. Prende ad esempio i programmi della NSA supportati da Google e Facebook, così come l’interferenza russa nelle elezioni statunitensi, vari tentativi di rendere illegale il bitcoin o il Regno Unito che esprime il desiderio di vietare la crittografia forte. Gavin Wood ha detto: “Dal punto di vista dell’utente, il Web 3.0 non sarà diverso dal Web 2.0, almeno all’inizio”.

Così come è stato difficile datare gli inizi del Web 2.0, sembra essere molto difficile datare Web3. È già stato spostato? Fare

READ  Covid-19: rischi, incognite, stato di salute... Perché il vaccino di Moderna non è più in terza dose?