Gennaio 20, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Cosa possiamo imparare dalla Parker Solar Probe che ha “toccato il sole” per la prima volta?

abbiamo Ho toccato il sole. Martedì 14 dicembre, la NASA ha annunciato che la sonda solare Parker si è avvicinata alla nostra stella in un modo senza precedenti. Alla velocità di 500.000 km/h, lo strumento, lanciato nell’agosto 2018, ha raggiunto la corona solare, arrivando a 15 milioni di km dalla superficie del Sole. Ho attraversato un confine simbolico chiamato il confine dei duemila. In altre parole, la Parker Solar Probe è entrata nelle immediate vicinanze della nostra stella. Questa è un’impresa storica perché nulla di artificiale è mai stato visto prima.

In effetti, la sonda ha battuto il proprio record nell’ottobre 2018 quando si è avvicinata a 42,73 milioni di chilometri dal sole. E non è finita: la sonda continua ad avvicinarsi alla nostra stella (ora dista 13 milioni di km). Franceinfo riassume ciò che la sonda solare Parker può rivelare ai terrestri.

Gli incredibili meccanismi di riscaldamento della corona solare

È un mistero che ha sconcertato gli astrofisici per decenni: perché la temperatura intorno al sole è molto più alta della sua temperatura superficiale? Normalmente la temperatura dovrebbe diminuire man mano che si allontana dalla nostra stella, ma non è questo che si osserva. Infatti, la temperatura sulla superficie del Sole sale a 5500 gradi Celsius mentre raggiunge 1 milione di gradi Celsius nella corona solare, la parte esterna della sua atmosfera. Questa corona appare durante un’eclissi solare, come mostrato in questa immagine mentre appare in un gradiente dal bianco al grigio.

Un'immagine del sole e della sua falce di luna scattata durante un'eclissi solare totale, visibile da Hopkinsville (Kentucky, Stati Uniti), 22 agosto 2017 (JOSEPH MATUS/MSFC/NASA)

Les scientifiques s’accordent, pour l’instant, à dire que la couronne solaire se réchauffe par elle-même et que différents mécanismes sont en jeu. Parker Solar Probe è il bis oltre l’immagine per il recupero dei dati personali che consentono di identificare l’opera d’arte. “Non abbiamo ancora raggiunto la zona dove avviene il riscaldamento”, identifica per franceinfo Thierry Dudoc de Wit, ricercatore del Laboratorio di Fisica e Chimica per l’Ambiente e lo Spazio di Orleans (LAURA), direttamente coinvolto nella missione Parker Solar Probe.

Gli scienziati ne sapranno di più quando la sonda sarà più vicina al sole nel 2025, a circa 7 milioni di chilometri dalla sua superficie. Attento, Thierry Dudoc de Wit pensa che le conclusioni non arriveranno prima “parecchi anni”.

La dinamica dei brillamenti solari

La nostra stella genera venti solari. Questa corrente di particelle è molto debole Plasma, cioè un gas costituito principalmente da elettroni e protoni ma anche da ioni, spiegare Osservatorio di Parigi. Ma il sole soffre anche di tremori. Quindi rifiutare grandi quantità di materiale. Stiamo parlando di espulsioni di massa coronale (CME), più comunemente note come brillamenti solari. La nostra stella quindi espelle particelle più energetiche ad una velocità molto elevata.

quando questi Espulsione di particelle Quando raggiunge la Terra, dà origine all’aurora boreale (o Australia, a seconda dell’emisfero in cui si trova l’osservatore). Se le eruzioni sono più violente, allora si parla di tempeste solari. “L’eruzione cutanea è spesso piccola, ma a volte c’è una grande eruzione cutanea”più chiaro Al centro della Francia 3 Val de Loire Thierry Dudoc de Wit. Essi Il funzionamento dei dispositivi elettrici ed elettronici a terra può quindi essere interrotto, interessando in particolare le nostre installazioni GPS e i nostri mezzi di comunicazione via radio, Internet o i nostri laptop.

Questi fenomeni sono presi sul serio dalla comunità scientifica e internazionale a causa del nostro crescente utilizzo di queste tecnologie. “I voli transpolari a volte perdono ogni contatto con la Terra durante le eruzioni vulcaniche”, illustrato da Thierry Dudoc de Wit. Le tempeste solari più potenti possono avere conseguenze disastrose. Potrebbe essere il 23 luglio 2012, straordinariamente forte “Restituire la civiltà contemporanea al Settecento” La NASA ha detto nel 2014, se fosse successo una settimana prima.

È quindi necessario comprendere la dinamica dei venti della nostra stella e produrre previsioni meteorologiche solari che prevedano la frequenza e l’intensità delle eruzioni. Le osservazioni di Parker Solar Probe si sono rivelate tanto critiche quanto necessarie perché i primi risultati, pubblicati nel 2019, fornivano già elementi importanti, contrariamente alle ipotesi più compatibili.

“Gli specialisti hanno tutti immaginato il vento solare come un fluido che fuoriesce in modo relativamente calmo e uniforme, in tutte le direzioni. Ma abbiamo scoperto che non è altro che questo”.

Thierry Dudoc de Wit

a franceinfo

“Gli elementi costitutivi del vento solare devono avere un comportamento molto preciso in termini di spostamento e velocità. Tuttavia, troviamo vicino al Sole che sono molto diversi da quello che osserviamo vicino alla Terra”., identifica Thierry Dudoc de Wit. “Il punto fondamentale è avere uno strumento musicale in loco”, insiste ed entra nella corona, “La regione che segna la differenza tra il momento in cui il vento è realmente legato al sole e quando il vento scappa in modo libero”.

Informazioni preziose sulle stelle

Se le osservazioni di Parker Solar Probe si riferiscono solo al nostro Sole, possono anche aiutare a capire meglio altre stelle, assicura Thierry Dudoc de Wit.

“I ricercatori notano che la corona orbita intorno al Sole più velocemente del previsto, il che potrebbe influenzare la nostra comprensione generale della rotazione delle stelle”.e CNRS ha spiegato, nel 2019, dopo la pubblicazione dei primi risultati. Tuttavia, studiare la rotazione delle stelle è fondamentale per calcolare la loro età, Come osservato in aprile dalla Commissione francese per l’energia atomica e le energie alternative, (il).

“È interessante perché non stiamo solo cercando di vedere le cose attraverso l’obiettivo che ci interessa, ma di trarre conclusioni che vanno ben oltre il nostro campo”., conclude Thierry Dudoc de Wit.

READ  Recensione Xiaomi Mi Wireless Outdoor Security Camera 1080p: una prima edizione altamente avanzata