Maggio 17, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Cosa hanno a che fare le missioni lunari con le ciglia di bellezza?

Come eliminare la polvere dai sensori in ambienti ostili, sulla luna o sulla Terra. Tre studenti di Mines Nancy potrebbero avere una soluzione. La loro idea, ispirata alle ciglia di cammello, ha permesso loro di vincere il primo premio dello “SpaceHack, Hackathon” in Lussemburgo.

“Stardust Lashes” o “Lashes of star dust” in francese è un’idea Clement Saget, Raphael Morin e Charles Cho, tutti loro Tre studenti di Nancy Miniere. Hanno vinto il primo premio Space Hack, Hackathon o Lussemburgo fine 2021. Il tema dell’edizione era uno scenario di fantasia, ma si può facilmente immaginare: “Colonizzazione della Luna nel 2040”, CCome lo spieghiamo Raffaello Moren : “Dovevamo trovare idee che potessero facilitare l’installazione dell’Uomo sulla Luna pur essendo applicabili alla Terra”. I tre studenti che seguono a Corso di imprenditorialità All’interno della loro scuola hanno approfittato di corsi specifici per imparare a sostenere la loro idea.

Pensaci bene: Il cammello ha imitato la descrizione delle sue ciglia doppie per proteggere i sensori e protegge anche i suoi occhi. o, Essere inspirati il Scinque sabbia Conosciuto anche come spessore della sabbia, In realtà è una lucertola. Ha la particolarità di essere dotata dalla natura, A partire dal “margine” specialmente sulle palpebre Ma anche sulle orecchie Chi è lui Ti permettono di muoverti nella sabbia senza il rischio che i granelli penetrino nel tuo corpo. Sta letteralmente annegando nella sabbia come un pesce nell’acqua. Gli scoiattoli di sabbia vivono nei deserti del Nord Africa e Asia meridionale.

La nostra soluzione nasce da terra grazie al mimetismo della natura

Raphael Morin, uno studente del secondo anno al Mines Nancy

Rafael Moren :Siamo partiti da una semplice osservazione: sulla Luna la polvere è un grosso problema per i sensori in particolare, ma non solo. È molto abrasivo. Ha proprietà elettrostatiche e quindi aderisce a tutte le superfici. Lei li mangia. Per comunicare con il suolo, ma anche con i robot, i sensori sono essenziali e devono rimanere operativi per tutta la missione. Naturalmente, ci siamo chiesti come proteggerli.

READ  Huile Essentielle et Aromathérapie : la science a prouvé que cette nouvelle eau parfumée permet de passer des journées straordinari

e Clemente Sagit Aggiungere: “E poiché le applicazioni dovevano essere possibili anche a terra, abbiamo avuto l’idea di cercare nelle regioni desertiche. Abbiamo pensato alla sabbia nel deserto, per esempio. Le caratteristiche sono vicine alla polvere di luna. Abbiamo cercato soluzioni e le abbiamo trovate attraverso la biomimetica. Il cammello ha due file di ciglia molto efficaci. Nella tempesta di sabbia, è protetto per continuare ad avanzare. Abbiamo cercato di riprodurre gli stessi propulsori, ma utilizzando materiali e tecnologie compatibili con la missione lunare. Abbiamo anche lavorato su una piccola lucertola, Skink Che ha proprietà elettrostatiche a livello della sua pelle. Può nuotare nella sabbia“.

Rafael Kamel : “Il problema è la luna, ma la nostra soluzione viene dalla terra grazie biomimetica.

Ovunque ci siano sensori, sabbia o polvere, questa soluzione può essere presa in considerazione

Clement Saget, studente del secondo anno di Nancy Mines

Per loro, la soluzione è tecnica. Hanno immaginato una specie di rete fatta di nanotubi di carbonio e una pistola elettronica che fungesse da “spolverino” per cacciare la polvere dal suolo lunare.
Ha il vantaggio di consentire a molte applicazioni di atterrare: “Ovunque ci siano sensori, sabbia o polvere, questa soluzione può essere presa in considerazione: industria mineraria, industria alimentare, agricoltura, edilizia e persino protezione della fotocamera. “

I nostri tre studenti ammettono prontamente che il loro campo è ingegneria industriale e matematica applicata. “Lo spazio non lo è in un la nostra formazioneCosì hanno contattato gli scienziati di un’agenzia spaziale per discutere la loro idea e valutarne gli interessi.

Seguiranno anche corsi di “formazione” in Lussemburgo, offerti ai vincitori con l’obiettivo di creare un prototipo.
Poi, se tutto andrà bene, si tratterà di ulteriore ricerca e sviluppo del progetto e perché no realizzare un piccolo servizio fotografico per la progettazione di “Stardust Eyelashes” e prendere parte all’avventura lunare.

READ  Gers: Conferma del primo focolaio di influenza aviaria nell'ovest del distretto