Maggio 19, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Con l'intelligenza artificiale è meglio essere giardiniere che scrittore

pubblicato

Mercato del lavoroCon l'intelligenza artificiale è meglio essere giardiniere che scrittore

Una buona formazione non proteggerà più dai cambiamenti nel mondo del lavoro legati all’automazione di molti compiti da parte dell’intelligenza artificiale.

È bello essere un giardiniere con lo sviluppo dell'intelligenza artificiale.

È bello essere un giardiniere con lo sviluppo dell'intelligenza artificiale.

Pixabay

Nell’era dell’intelligenza artificiale il mercato del lavoro è in subbuglio: “Adesso sono gli impiegati ben qualificati a dover rannicchiarsi alla scrivania”, constata oggi il quotidiano “NZZ am Sonntag”, che cita l’esempio di UPS: l'azienda ha appena annunciato la soppressione di… 12.000 posti di lavoro su 85.000 quadri. La giustificazione: una maggiore efficienza dell’intelligenza artificiale che consentirà, tra le altre cose, il calcolo automatizzato dei prezzi. Tuttavia, i corrieri e gli autisti – i colletti blu – non sono interessati da questa razionalizzazione. Perché l’intelligenza artificiale non può consegnare pacchetti.

È meglio essere giardiniere che scrittore

Secondo l’americano Pew Research Center, le professioni più minacciate dall’intelligenza artificiale sono i progettisti edili, i contabili, i progettisti, gli informatici, gli impiegati e anche i professionisti. Sono invece considerati sicuri i servizi personali come l'abbellimento, la cura, l'assistenza, il giardinaggio e persino i vigili del fuoco, riferisce NZZ am Sonntag.

Un nuovo studio del professor Stefan Wolter mostra anche che l’intelligenza artificiale sta già influenzando le preferenze dei giovani nella ricerca di un posto per la formazione professionale.

Lezione peggiore della normale

“Grazie a una buona formazione ci siamo assicurati di poterci proteggere dalle turbolenze del mercato del lavoro”, afferma Stefan Wolter, professore di economia dell'educazione all'Università di Berna. “Ma le nuove tecnologie fanno sì che le conoscenze acquisite in alcune professioni perdano improvvisamente il loro valore”, aggiunge. Per le persone colpite la perdita del posto di lavoro è peggiore di un licenziamento regolare: perché se una categoria professionale scompare su larga scala, queste persone non troveranno lavoro nemmeno in un'altra azienda o filiale, sottolinea il professore.

Mancanza di riqualificazione culturale

Questo sviluppo richiede quindi capacità di riqualificazione, cosa che è più difficile per le persone dai 40 anni in su, osserva Stefan Wolter. Ma queste possibilità non esistono, sottolinea Pascal Schueller, esperto di risorse umane presso von Rundstedt: “In Svizzera la mobilità tra diverse professioni e settori è molto bassa. Non abbiamo una cultura della riqualificazione”.

Anche se ci sono offerte di riqualificazione, “l’ostacolo per tornare in campo in età avanzata è significativo”. L’economia deve quindi ripensare le pratiche occupazionali delle persone che cambiano direzione, si chiede Stefan Wolter.

Incertezza patrimoniale

In particolare, una ricerca di Stefan Wolter, professore di economia dell’educazione all’Università di Berna, mostra che “l’emergere dell’intelligenza artificiale ha causato un’enorme incertezza tra i lavoratori, con un timore diffuso che il progresso tecnologico riduca il valore delle qualifiche professionali, o addirittura porti al lavoro”. Perdita.

Per stare al passo con l’evoluzione del mercato del lavoro, l’esperto di risorse umane Pascal Schueller chiede anche di tenere maggiormente conto nel nostro sistema scolastico dei cambiamenti tecnologici causati dall’intelligenza artificiale e delle competenze future di cui gli studenti avranno bisogno: abilità trasferibili come capacità di apprendimento, costruzione di reti o autogestione.

READ  Mastercard afferma che tutte le banche e i commercianti della sua rete saranno presto in grado di offrire servizi di criptovaluta