Gennaio 27, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

C’è stato davvero il primo caso di “fusione” tra Covid e influenza in Israele? – lanciare

Contrariamente a quanto suggeriscono alcune pubblicazioni, sono passati diversi mesi da quando sono state identificate le coinfezioni, anche se a questo punto rimangono rare.
Domanda di Sandrine il 2 gennaio 2022.

Buon giorno,

Ci chiedi delle molteplici pubblicazioni che confermano, sui social network, che “Florona” sta emergendo, “Rilevato in Israele un misto di influenza e Covid.” In origine, le informazioni provenivano dai media israeliani, in particolare dalla rivista online Tempi di Israele. In un articolo pubblicato domenica,, afferma che il primo caso israeliano “Per chi ha influenza stagionale e Covid-19 contemporaneamente” È stato confermato giovedì dalle autorità sanitarie del Paese. L’articolo aggiunge che “L’infezione è stata rilevata in una donna incinta non vaccinata che aveva sintomi lievi”, Secondo i dettagli forniti dall’ospedale dove è stata ricoverata.

Contrariamente a quanto forniscono alcune pubblicazioni virali, questa combinazione di influenza stagionale e Covid-19 non deriva da un nuovo virus, o da una “fusione”, ma semplicemente da quella che viene definita una “coinfezione”. In altre parole, due virus responsabili di malattie diverse infettano contemporaneamente lo stesso individuo, ed entrambi sono fonte di malattie.

La parola “Florona” – che non ha nulla di ufficiale perché è un soprannome che i netizen israeliani hanno immaginato dalla contrazione tra la parola “influenza”, che denota “influenza” (influenza in inglese), e “coronavirus” – potrebbe suggerire la presenza di un virus che è stato rilevato. . Questo termine è fuorviante. Etienne Decroly, Direttore della Ricerca al CNRS di Marsiglia e membro della Società Francese di Virologia. Causa influenza stagionale e Covid-19 “Due gruppi di virus molto distinti”, “Finora non è stato dimostrato alcun rischio confermato di comparsa o ricombinazione di virus chimerici tra questi virus”, Vuole rassicurare il virologo.

READ  Notazione audio. Science Six, Episodio 61: Tutto su Slambo

Alcuni casi francesi

L’informazione è stata ampiamente trattata dai media di tutto il mondo – in Francia, in particolare dalla stampa locale – con titoli che hanno fuorviato i lettori. A volte usate isolatamente, espressioni “primo caso” o “per la prima volta” Ha aiutato, a torto, a far passare questo primo caso israeliano di coinfezione come il primo al mondo. Tuttavia, l’articolo in Tempi di Israele Si è chiamato a non cadere in questa estrapolazione, pur precisando che Casi di pazienti affetti da influenza e Covid-19 sono comparsi negli Stati Uniti nella primavera del 2020.

Inoltre, “Flurona” non è altro che una traduzione di a “un fatto noto da decenni”, Alexandre Plepteau, specialista in malattie infettive presso il Dipartimento di Malattie Infettive e Tropicali dell’Ospedale Petit Salpetre (a Parigi), conferma: “Puoi avere due agenti patogeni contemporaneamente, che si tratti di due virus o di un virus e un batterio”. Pertanto, secondo il medico, l’infezione sia da Covid-19 che da influenza non è nuova, poiché sono stati rilevati casi Dalla prima ondata e questo è Compreso in Francia, anche in Pitié Salpêtrière. Queste sono infezioni associate “raro ma non eccezionale”, Riassume Bruno Lina, Professore di Virologia al CHU de Lyon, che, da parte sua, ha delineato “un caso o due” nel suo istituto.

Omicron previene l’interferenza virale

L’emergere di doppie infezioni è diventato possibile “Cocircolazione di virus con tropici respiratori associata a misure di barriera ridotte”, spiega Alexander Bleptro. Infatti, da un lato, il coronavirus responsabile del Covid-19 e i classici virus respiratori (quelli che causano influenza, bronchiolite o virus respiratorio sinciziale) Ora circola contemporaneamente – Mentre subito dopo la comparsa di Sars-Cov-2, nota Bruno Lina, La tendenza era verso la completa scomparsa di altri virus. D’altra parte, mentre all’inizio della crisi tutte le misure di barriera erano generalmente ben attuate e sono state messe in atto misure di contenimento, impedendo la diffusione di altri virus respiratori poiché si trasmettono anche attraverso l’aria, ciò non è più possibile. situazione odierna. “Le misure di barriera permissive e lassiste riducono la protezione contro tutti i virus respiratori”, analizza il virologo lionese, che è anche membro del consiglio scientifico.

READ  Cos'è il DNA? - scienza e vita

Inoltre, la coinfezione sarebbe favorita dalla contaminazione da omicroni. Questo tipo di coronavirus sarebbe effettivamente in grado di bloccare la risposta immunitaria che normalmente si verifica dopo l’infezione con un virus: “interferenza virale”. Bruno Lina dettagli come di seguito: “Quando una cellula viene infettata, invia segnali ad altre cellule circostanti, dicendo loro di difendersi producendo interferone, una sostanza che tutti noi produciamo che rende naturalmente le cellule resistenti all’infezione da parte del virus”. Quando arriva questo fenomeno “Evita che i virus si accumulino uno ad uno nello stesso individuo” (Con un livello di protezione inferiore per i deboli e gli anziani). Tuttavia, anche se queste sono solo ipotesi a questo punto, “Abbiamo l’impressione che Omicron sia in grado di disattivare in modo significativo questa funzione di interferenza”, Pointe Bruno Lina.

L’accumulo, la circolazione combinata dei virus respiratori e l’evoluzione della variabile omicron, potenziata dal rilassamento dei gesti barriera, rende “Possibile” l’emergere di nuovi casi di coinfezione, “Senza diventare troppo ripetitivo”, Stimato professore di virologia.

Aumento della mortalità in caso di infezioni successive

Dovremmo essere preoccupati? I dati disponibili al momento non consentono di misurare i potenziali rischi di coinfezione e, in particolare, se possono favorire lo sviluppo di forme pericolose di Covid-19. Nel suo articolo, il Tempi di Israele indica che il Ministero della Salute israeliano ha avviato uno studio per determinare se, nel caso di questa donna incinta, “La combinazione dei due virus potrebbe aver peggiorato la malattia”. Tuttavia, come ci ricorda Bruno Lina, “Questi casi sono così rari che non possiamo stabilire una legge generale” sulle sue conseguenze in questa fase.

READ  Parigi: a Bercy c'è un luogo nuovo, coinvolgente e unico che rende grande la scienza

Quello che invece sappiamo dai dati preliminari degli studi sui contagi consecutivi è che l’infezione con i virus responsabili del Covid-19 e dell’influenza ad uno ad uno aumenta il rischio. “È stato riportato che il tasso di mortalità è più alto nelle persone infette da entrambi i virus, rispetto a coloro che hanno avuto solo Covid-19 o influenza”, spiega Bruno Lina.