Maggio 16, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Carbon Capture: quale futuro per le foreste boreali?

Già da tempo si nota un “beneficio” del riscaldamento globale: in alcune regioni settentrionali del Canada e della Russia, gli alberi beneficeranno di un clima più caldo e guadagneranno terra a nord. Ma il prezzo da pagare in termini di torbiere guadagnate o perse è ancora difficile da misurare. Ad esempio, a ultima ricerca dell’Università del Minnesota prevede che entro la fine del secolo non ci saranno foreste boreali in Minnesota, né su una porzione di territorio canadese di circa 300 km, dal confine a nord.

Tuttavia, le torbiere protette da queste foreste immagazzinano in media il doppio del carbonio delle foreste stesse. Ecco perché nel 2020 un gruppo di ricercatori sarà interessato al ritiro delle torbiere in un clima più caldo del Nord America in futuro: Una conclusione Le perdite previste di carbonio immagazzinato erano da 4 a 18 volte la quantità di carbonio accumulata.

Ma dal momento che la foresta settentrionale spostati a nordQuesto non significa, a lungo termine, nuove paludi per compensare le perdite subite dal sud? Il problema è che il riscaldamento non è lineare: attualmente si verifica nell’Artico da due a tre volte più velocemente che nel resto del mondo, con un potenziale devastante che i ricercatori non possono stimare e, per ora, gli incendi degli ultimi anni sono il segno più visibile di ciò.

Rapporto pubblicato questo mese dai media ambientali e360, presenta un team di questi ricercatori con sede in Alaska, che dal 1987 studiano i meccanismi che hanno reso la foresta boreale così resiliente per migliaia di anni e che, tuttavia, la rendono vulnerabile al riscaldamento molto rapido. Tra le sue osservazioni: incendi più frequenti favoriscono la rigenerazione di alberi come il pioppo tremulo o la betulla, a scapito delle conifere. Allo stesso tempo, i fuochi bruciano lo strato organico del suolo, che espone i minerali sottostanti. Promuove la crescita degli alberi, ma riduce l’isolamento di cui gode il permafrost – terreno permanentemente ghiacciato. Quando si scioglie, questo terreno rilascia più carbonio e metano nell’aria.

READ  9 consigli per aumentare il tuo metabolismo

Se, come previsto dai modelli, gli incendi nell’Artico stanno davvero aumentando di numero e nelle aree coperte, dovremmo presto vedere in che direzione girano le scale.