Gennaio 29, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Bruxelles vuole cambiare le regole del mercato del gas, discussioni ‘tese’ avanti

Inserito martedì 18 ottobre 2022 – 18:17.

Martedì la Commissione europea ha dettagliato le sue proposte per mitigare gli elevati costi energetici, anche affrontando la volatilità nel mercato del gas, misure ancora in attesa di discussione e perfezionamento da parte degli Stati membri, che rimangono divisi sul principio del price cap.

A fronte dei persistenti disaccordi tra i 27 Paesi, l’Esecutivo europeo ha introdotto punti soggetti al “massimo consenso”: saranno esaminati giovedì e venerdì in un vertice dei capi di Stato e di governo, e poi martedì da Energy ministri.

Ma non è stato ancora fatto nulla. “Ci saranno discussioni tese”, avverte un diplomatico europeo.

“Abbiamo fatto molti progressi, ma senza una svolta fondamentale (…) le priorità divergono: la Germania sceglie la sicurezza dell’approvvigionamento perché può permettersi prezzi elevati, ma molti paesi non riescono a tenere il passo con il budget”, un altro brulica.

Bruxelles attende ora un “orientamento strategico” per i Paesi, prima di esporre con loro i dettagli delle misure, come ha stabilito la presidente della Commissione Ursula von der Leyen, a margine di una sessione dei membri del Parlamento europeo a Strasburgo.

In particolare, la Commissione ha proposto di eliminare l’indice di mercato TTF (“European Gas Exchange”), utilizzato come riferimento nelle transazioni degli operatori del gas.

L’attenzione si è tradizionalmente concentrata sul gas consegnato dagli oleodotti e preso di mira dalla speculazione, in aumento dopo i tagli alle spedizioni russe, senza riflettere le crescenti importazioni di GNL via nave.

L’idea è di sostituirlo entro marzo 2023 con un indicatore proxy più rappresentativo delle forniture effettive per garantire “prezzi stabili e prevedibili”.

READ  Norvegia: la festa aziendale ricorre a un possibile focolaio della variante Omicron, metà degli ospiti infettati

– ‘Segnala Claire’ –

Fino ad allora, Bruxelles raccomanda di inquadrare temporaneamente le fluttuazioni dei prezzi sui fondi in un intervallo, con un tetto “dinamico” che tenga conto del mercato globale. Un meccanismo separato consente di interrompere i picchi improvvisi nei mercati dei derivati ​​durante la sessione.

“È importante dare un segnale chiaro che l’UE è un acquirente affidabile, ma non più ad ogni costo”, ha sottolineato la von der Leyen, sottolineando che Bruxelles lavorerà sulle modalità di attuazione una volta che i paesi avranno dato il loro consenso in linea di principio .

Inoltre, Bruxelles vuole finalmente implementare l’approvvigionamento di gas congiunto a livello UE in vista della prossima stagione per riempire lo stock: il fornitore di servizi sarà responsabile dell’identificazione delle esigenze e della ricerca di fornitori interessati a soddisfare questa “domanda aggregata”.

Le società importatrici possono quindi formare “sindacati” per negoziare. L’idea è quella di ottenere prezzi migliori e impedire ai 27 di competere tra loro. Questi acquisti congiunti rimarranno volontari, ma Bruxelles vuole che coprano almeno il 15% degli obiettivi di riempimento delle scorte fissati dagli Stati membri.

Infine, la Commissione vuole rafforzare gli impegni di solidarietà con un accordo standard che garantisca la fornitura da parte di altri Stati membri a qualsiasi Paese in caso di emergenza.

– Obblighi di solidarietà –

Mentre la loro economia soffre di un’esplosione dei prezzi, le 27 nazioni, i cui mix energetici variano ampiamente, lottano per trovare una risposta comune.

Quindici paesi, tra cui la Francia, hanno chiesto un tetto massimo alle importazioni di gas europee all’inizio di ottobre, ma Berlino è fermamente contraria, temendo di esacerbare le tensioni nelle forniture di GNL in un mercato globale teso, proprio come i paesi dell’Europa centrale (Austria-Ungheria). e altri) dipendono ancora dagli idrocarburi russi e temono che Mosca chiuda completamente il rubinetto.

READ  Sequestro di terre, traffici interni e sospetti nell'entourage del re... in Marocco, l'indagine proibita di Omar Radi

Allo stesso modo, Parigi è fortemente a favore di un tetto massimo al prezzo del gas utilizzato per produrre elettricità nell’Unione Europea: questo sistema, già in vigore in Spagna e Portogallo, consente ai prezzi dell’elettricità di scendere meccanicamente. Ma paesi come la Germania e i Paesi Bassi sono preoccupati per i rischi di un boom della domanda di gas se viene imposto.

Bruxelles non ha incluso questo “meccanismo iberico” nelle sue proposte di martedì, ma senza chiudere la porta.

“Vale la pena approfondire, ma ci sono ancora questioni da risolvere”, ha commentato la von der Leyen, citando il disuguale margine di manovra tra i Paesi per finanziarlo e il rischio di sovvenzionare la produzione di elettricità che sarebbe inefficiente. . Multa per l’esportazione in paesi al di fuori dell’Unione Europea.