Maggio 16, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Bistecca alla griglia, polvere bruciata, frutti di bosco? Alla ricerca del segreto delle componenti del profumo dello spazio

Gli organizzatori dell’incontro Jean-Luc Melenchon avevano promesso un esperimento “immersivo” e “aromatico” Al Centro Esposizioni di Nantes (Loira Atlantica). E già durante il dipinto dedicato allo spazio, il pubblico ha potuto percepire un leggero profumo che mescolava gli odori di polvere da sparo, bistecca alla griglia, frutti di bosco e rum. Il fornitore di servizi dietro il profumo spaziale rimane sconosciuto, ma l’anello chiama: quali sono i segreti del cocktail chimico che può riempire la bottiglia dell’universo? La NASA ha certamente avuto alcune discussioni con un chimico nel 2008, ma il progetto non ha mai visto la luce.

Partiamo dalle testimonianze. Certo, è impossibile respirare direttamente nello spazio, ma alcuni astronauti hanno comunque raccontato storie basate sull’odore delle tute, dopo una passeggiata nello spazio. Il minimo che possiamo dire è che le loro descrizioni sono ancora molto lontane. “L’odore dello spazio è davvero diverso da qualsiasi cosa là fuori.”Domenico Antonelli, pilota dello Shuttle Discovery. ho chiamato di Space.com (in inglese), descritto da Thomas Jones, un veterano della NASA “Odore di ozono, leggero odore pungente” o a “L’odore di polvere da sparo bruciata” ; Finalmente un altro maschio Sensazione metallica morbida molto piacevole”.

Tuttavia, queste testimonianze presentano un potenziale pregiudizio, osserva Robin Isnard, MD, un astrochimico e Scienza popolare sul web. “Alcune superfici metalliche potrebbero essere state danneggiate all’esterno della Stazione Spaziale Internazionale, provocando la produzione di Un po’ di materia organica. Questo odore segnalato dagli astronauti potrebbe essere il risultato dell’ossidazione, piuttosto che una caratteristica intrinseca dello spazio. Questo è ciò che accade con alcune valute: in presenza di Minerali e sudore, gli acidi grassi generati dalla pelle producono determinate molecole. È ciò che produce quell’odore che associamo al metallo, non alla moneta.

READ  Apple ha reclutato ingegneri Xbox per sviluppare una console di gioco | Xbox Uno

Per ottenere risposte, è necessario identificare potenziali molecole di odore nello spazio, grazie al lavoro degli astrochimici. Lo scorso mese, sul sito della NASA (in inglese)In questa ricerca sugli odori, il ricercatore americano Luis Almandola ha sollevato due distinti campi di gioco. Cita prima accanto alle stelle alla fine della loro vita, che hanno finito di consumare idrogeno. A questo punto, rilasciano elementi più pesanti come carbonio, azoto e ossigeno. A seconda della distribuzione di questi elementi, alcune stelle produrranno silice mentre altre produrranno fuliggine ricca di idrocarburi policiclici aromatici (IPA), il cui odore può far pensare a composti diesel o “Con hamburger bruciati”. Ecco il primo percorso vicino alle stelle alla fine della loro vita.

Il secondo sentiero porta nel cuore delle “nuvole molecolari” della Via Lattea, dove noi “Si può trovare polvere composta da nucleo di roccia di silicato e una coltre di ghiaccio d’acqua e altri composti (metanolo, ammoniaca, monossido di carbonio…)”Spiega Robin Isnard. Insomma, dobbiamo immaginare “Una specie di bizzarra gelateria con una fredda pioggerella di acqua ghiacciata e un soffocante soffio di ammoniaca.”Scherzi Louis Alamandola. Di chiara ispirazione, evoca anche l’odore malinconico di una camera mortuaria, per la possibile presenza di formaldeide (formaldeide). depresso.

Che ne dici di un lampone spaziale? Può nascere una stella che emette calore e radiazioni Attivare reazioni chimiche in questo ghiaccio Nubi molecolari, continua Robin Isnard. Vengono prodotte molecole ancora più complesse, con un numero maggiore di atomi: etanolo, aldeidi e anche alcune molecole odorose. E quindi , Nuvola di polvere al centro della Via Lattea [nommé Sagittarius B2] Contiene grandi quantità di formiato di etile.Aggiunge un altro ricercatore, Scott Sandford, in un articolo della NASA. Questo composto gioca un ruolo nell’odore delle bacche. Inoltre, è il prodotto Da una reazione tra un acido e un tipo di alcol, Di Dà un odore simile al rum..

Nube molecolare Sagittario B2 mostrata in arancione  A sinistra dell'immagine, con il centro della Via Lattea al centro.  (Osservatorio europeo meridionale / APEX e MSX / IPAC / NASA)

Fai attenzione, prima di cadere nell’ultima collezione di “frutti fiammeggianti rossi” dallo spazio. Gli aromi sono costituiti da una miscela di diverse molecole, Robin Isnard ricorda già. E non sono sicuro che il formiato di etile da solo ti faccia pensare ai lamponi”. Molti altri composti (chetone, ionone, ecc.) svolgono un ruolo essenziale nel sapore del frutto. D’altro canto, “Questi composti tendono a riunirsi in superficie [des poussières] Non è molto volatile”.Aggiunge Grégoire Dinger, astrochimico e vicedirettore dell’Institute of Origins dell’Università di Aix-Marseille.

Il formiato di etile, infine, è solo una delle decine di molecole Determinato nel 2009 (in inglese) dal Max Planck Institute, durante i lavori sul Sagittario B2. In questo elenco, Troverai sicuramente particelle che non hanno un buon odore! “ Ha scritto a franceinfo Arnaud Belloche, che ha co-firmato lo studio. Quindi è difficile relazionarsi con nessuno di loro in particolare. Più in generale, alcuni 260 molecole identificate (in inglese) nel mezzo interstellare.

“Conoscere l’odore dominante non mi sembra ovvio perché dipende dalla composizione del mezzo, cioè dalla proporzione di ciascuna molecola nel gas interstellare”.

Arnaud Belusch, astrochimico del Max Planck Institute

in franceinfo

D’altra parte, la chimica organica spaziale è ancora agli inizi. “In effetti, ci sono particelle in tutto l’universo, più numerose e complesse di quelle finora identificate.Aggiunge Grégoire Danger. La radioastronomia è semplicemente limitata ai rivelatori. Dopo un certo numero di atomi, ce ne sono dodici”È difficile ricostruire queste particelle di diverse lunghezze d’onda emesse da ciascun tipo di atomo. Pertanto, il portafoglio molecolare è senza dubbio più completo di quanto possiamo immaginare oggi, raddoppiando le possibili combinazioni.

Ma non andiamo oltre, perché purtroppo c’è ancora un grosso ostacolo nella ricerca della fragranza spaziale. Anche identificando le molecole di interesse, la loro concentrazione dovrebbe essere sufficiente affinché il corpo umano le rilevi. È questo il caso? È una bella domanda e non ho una risposta”.Risponde Arno Beloch. Lo spiega a franceinfo il ricercatore Uwe Meierhenrich, specialista in chimica dei profumi “I recettori olfattivi (che sono proteine) non funzioneranno affatto in queste condizioni”. Quindi tutto quello che devi fare è sognare e immaginare quello che vuoi.