Dicembre 3, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Aumento del tasso di infezione, dosi di richiamo… Aggiornamento sull’epidemia e sulle vaccinazioni

Per il vicedirettore della delegazione amministrativa dell’ARS (Agenzia regionale della sanità) in Alpe Marittima, Ora è molto probabile che la quinta ondata non possa essere prevenuta. Dopo un continuo calo da metà agosto e stabilizzazione a metà ottobre, il tasso di infezione, cioè il numero di casi
Dal Covid-19 per 100.000 abitanti, “ora aumenta”, osserva Michelle Guise.

E la ripresa dell’epidemia è più certa per le autorità “con un approccio inverno E temperature più basse, «favorevoli all’inquinamento in ambiente chiuso. Ma dove sono davvero?

Quali sono i numeri dell’epidemia?

“Lunedì, in dipartimento, abbiamo nuovamente varcato la soglia dei 5.000 contagi al giorno, ha annunciato martedì il direttore dell’ufficio del Governatore delle Alpi Marittime. La crisi del Covid non è alle spalle. Ne parliamo meno, ma si vede chiaramente che c’è ancora circolazione del virus con un aumento del numero dei casi». 62 casi ogni 100.000 abitanti questo martedì per le Alpi Marittime. È inferiore a Paca (67) ma superiore alla media francese (51). In lieve aumento anche il numero dei ricoveri. Ad oggi, gli ospedali del dipartimento curano 28 pazienti trattati con i servizi convenzionali e 12 pazienti in terapia intensiva. È ancora lontano dal picco registrato a marzo con 583 ricoveri, di cui 127 su turni, ma “è ora di svegliarsi”, nota il capo dell’Ars, aggiungendo che “un centro ospedaliero ha dovuto ricostruire un’unità con cinque posti letto Covid, quattro di loro sono stati riempiti questo fine settimana.” Per quanto riguarda la percentuale di quei 40 ricoverati in ospedale che sono stati vaccinati, martedì Michelle Guise non ha avuto risposta. Ma menziona “un caso di un giovane di 33 anni che non è stato vaccinato e viene curato in terapia intensiva alla fine dell’estate”.

READ  Covid-19 - Ammissione in terapia intensiva: sempre più persone sono completamente vaccinate ma i non vaccinati sono ancora la maggioranza

E nello specifico quando si vaccina dove siamo?

Il tasso di copertura per la popolazione generale è dell’82% nel dipartimento delle Alpi Marittime, rispetto all’84% a livello nazionale. Quindi più di quattro abitanti di Azure su cinque hanno già un programma di vaccinazione completo. A seconda delle fasce di età, i bambini di età compresa tra 50 e 64 anni sono i più vaccinati (99%) ei bambini di età compresa tra 12 e 15 anni sono i meno (60%). “Per le persone di età pari o superiore a 65 anni, solo il 34% ha ricevuto la dose di richiamo e stiamo continuando la nostra strategia di ‘orientamento’ per incoraggiare le persone idonee a trarne vantaggio”, osserva il capo dello staff del Governatore. “Allo stesso tempo, stiamo organizzando il cambiamento in modo che le iniezioni vengano effettuate dalla medicina della città. Gli ultimi centri di vaccinazione chiuderanno prima di Natale”, continua Benoit Huber. “Abbiamo bisogno di questo promemoria, ma non solo. Dovresti avere due vaccini contro l’influenza e il Covid senza alcuna esitazione, supplica il professor Olivier Guerin, capo del dipartimento di geriatria dell’ospedale universitario di Nizza e membro del consiglio scientifico francese. Altro i virus respiratori ci sono e ci saranno”.

Per quanto tempo devono essere rispettati i segnali di barriera?

Non c’è rilassato, al momento, disegnato. Un nuovo decreto conservatore ha prorogato l’obbligo di indossare la mascherina almeno fino al 2 novembre. E visto il nuovo aumento del numero di casi, sembra improbabile che non si ripresenti ancora. “È molto importante continuare a rispettare i gesti della barriera e tornare puliti anche quest’inverno. Lavarsi le mani regolarmente. Arieggiare gli ambienti il ​​più rapidamente possibile”, continua il professor Olivier Guerin, che si batte per preservare queste abitudini per la lungo termine. “Nel 2030 spero che avremo ancora la reazione di indossare una maschera in una stanza di 50 metri quadrati con 50 persone. In altri paesi asiatici, in Giappone in particolare, l’influenza uccide quattro volte meno che in Francia perché hanno un diverso cultura dell’igiene”.

READ  Perché dovrebbe essere somministrata una terza dose?