Agosto 8, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Arancio: La corsa per succedere a Stephen Richard accelera – 12/01/2022 alle 18:54

L'attuale CEO dell'operatore Orange, Stéphane Richard, a Barcellona, ​​​​in Spagna, il 28 giugno 2021 (AFP/Pau BARRENA)

L’attuale CEO dell’operatore Orange, Stéphane Richard, a Barcellona, ​​​​in Spagna, il 28 giugno 2021 (AFP/Pau BARRENA)

Una donna, un profilo interno o un candidato esterno per guidare Orange? La corsa per succedere a Stephen Richard, condannato nel caso Tapie/Credit Lyonnais, sta accelerando, mentre l’amministratore delegato uscente dovrebbe lasciare l’incarico alla fine di gennaio.

Tre profili sono già stati selezionati dal comitato di selezione del gruppo per diventare CEO: l’attuale vicepresidente esecutivo, Ramon Fernandez, il direttore delle vendite dell’operatore statunitense Verizon, Frank Polbin, e il presidente di Schneider Electric France, Christel Heidemann.

A capo dell’incumbent dal 2011, ma è stato condannato a novembre in una causa arbitrale a favore di Bernard Tapie, Stefan Richard deve lasciare le sue funzioni al più tardi il 31 gennaio, mentre il suo mandato continua fino alla metà del 2022.

Queste poche settimane dovrebbero consentire di selezionare i candidati da subentrare e mettere in atto una nuova governance per la società, che secondo lo stato è il maggiore azionista con oltre il 20% del capitale.

Lo scenario che si studia da diversi mesi è quasi certo: la separazione dei ruoli di presidente e amministratore delegato.

Diversi gruppi a cui contribuisce lo stato hanno stabilito tale governance, come Renault, dopo la partenza di Carlos Ghosn, o Engy, dove Gérard Mistrallet è passato nel 2016 da CEO a presidente non esecutivo.

Christel Heidemann, attuale presidente di Schneider Electric France, a Parigi, 21 novembre 2017 (AFP/ERIC PIERMONT)

Christel Heidemann, attuale presidente di Schneider Electric France, a Parigi, 21 novembre 2017 (AFP/ERIC PIERMONT)

Il ministero ha riferito mercoledì che il ministro dell’Economia Bruno Le Maire ha preferito nominare una donna alla guida di Orange, dopo aver sentito i tre candidati “con caratteristiche interessanti”, tra cui Christel Heidemann.

READ  Trattamento preventivo per persone molto ricettive ai vaccini autorizzati in Francia

“A parità di competenze, il ministro vuole che una donna gestisca Orange”, ha detto questa fonte al ministero, spiegando che se lo stato è un azionista di riferimento in Orange, c’è un processo di assunzione e un consiglio di amministrazione. chi decide alla fine”.

– Prossime sessioni all’Eliseo? –

“Il ministro vuole che più donne raggiungano posizioni di governo nelle grandi aziende”, ha affermato il ministero dell’Economia, mentre solo una donna è attualmente a capo del CAC 40 in Francia, l’amministratore delegato di Engie, Catherine MacGregor. Ma a partire dal 1 luglio Estelle Brachlianoff diventerà CEO di Veolia.

Da parte sua, la presidente di France TV, Delphine Ernott, l’ex direttrice di Orange France, ha negato qualsiasi interesse per la posizione.

“Non potrò mai perdere interesse per il destino di Orange… Ora, me ne sono andato e (…) non mi sono mai pentito di questa scelta. (…) Sono bravo nel mio ruolo di presidente della Francia televisione, “Ho pienamente intenzione di continuare a praticarlo fino alla fine.

Dopo Percy, la palla è ora nel campo dell’Eliseo. Secondo diversi media, il 24 gennaio il suo segretario generale, Alexis Koehler, dovrebbe ascoltare i candidati davanti al consiglio di amministrazione dell’operatore che dovrebbe considerare la governance.

“C’è un processo di selezione in corso, sempre in modo selettivo, quindi il governo non deve interferire in questo processo”, ha commentato mercoledì il portavoce del governo Gabriel Attal, senza voler confermare.

Stand Customer Orange alla World Mobile Fair di Barcellona, ​​​​in Spagna, il 29 giugno 2021 (AFP / Josep LAGO)

Stand Customer Orange alla World Mobile Fair di Barcellona, ​​​​in Spagna, il 29 giugno 2021 (AFP / Josep LAGO)

Altri punti rimangono irrisolti, compresi i premi. Con uno stipendio annuo di circa 1,5 milioni di euro, Stéphane Richard è uno degli amministratori meno pagati del CAC 40, che può essere oggetto di trattative per il prescelto.

A novembre, Stephen Richards è stato ritenuto colpevole di complicità nell’appropriazione indebita di proprietà pubblica in un controverso caso di arbitrato del 2008 tra l’uomo d’affari Bernard Tapie, che da allora è morto, e il Credit Lyonnais. All’epoca, il presidente di Orange era il capo di stato maggiore dell’allora ministro dell’Economia, Christine Lagarde.

Presente in 26 paesi in tutto il mondo, Orange è una gigantesca società di telecomunicazioni che impiega più di 140.000 persone, di cui oltre 80.000 in Francia. L’operatore francese ha realizzato nel 2020 un fatturato di 42,27 miliardi di euro.

yk-boc/mch/er