Ottobre 6, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Aprire il mercato alla concorrenza per abbassare i prezzi è un fallimento?

Aumento del prezzo dell’elettricità. A luglio, il prezzo del kilowattora è aumentato del 20%, secondo L’indice dei prezzi pubblicato dal sito di confronto delle offerte energetiche Selectra. Per una media del 10% delle offerte più care, soprattutto dei distributori privati ​​che competono con EDF, l’aumento in un mese è sbalorditivo (29,44 centesimi di euro il 1 luglio contro 45,46 centesimi di euro il 1 agosto, ovvero +54%).

Questa esplosione ha fatto salire i prezzi Fabien Guy, senatore del Partito Comunista Francese di Seine-Saint-Denis. Su Twitter, ha criticato il comunista eletto, giovedì 18 agosto, Liberalizzazione del settore energetico [qui] Ho dovuto abbassare i prezzi”.. Ha ragione Fabian Gaye nel ritenere che l’apertura del mercato dell’energia alla concorrenza sia stata un fallimento?

In un’intervista ad Agnes Pannier-Runacher, ministro per la Transizione energetica, il senatore ha chiarito il tema della sua critica: accesso regolamentato A Historic Nuclear Energy (Arenh), il meccanismo che ha reso permanente l’apertura alla concorrenza di EDF. Per capire questo sistema bisogna risalire al 2010, quando era Sleep Law (nuova regolamentazione del mercato elettrico)che inquadra Arenh, è stato creato.

Nell’applicazione dell’a Direttiva europea Facendo rispettare una concorrenza reale e leale in Francia tra i fornitori di elettricità, la legge Noume ha iniziato dodici anni fa per sfidare la posizione dominante di EDF nel mercato dell’energia.

Nonostante la liberalizzazione del settore sia iniziata nel 1999, nel 2010 l’operatore generale aveva ancora un vantaggio storico su tutti i suoi potenziali concorrenti: “Una flotta nucleare in gran parte esaurita, cioè i francesi l’hanno pagata dagli anni ’70”, PrecedenteLo ha detto a franceinfo l’economista Jacques Persebois, specialista in energia. “I concorrenti di EDF non potevano competere perché vendevano elettricità prodotta da petrolio o gas. Tuttavia, l’elettricità da combustibili fossili era più costosa dell’elettricità nucleare.riassume il direttore del Centro di Ricerca in Economia e Diritto dell’Energia (CREDEN).

READ  Raccolta dei voti per telefono: il vicolo cieco di Bloctel

Per controbilanciare questo vantaggio, è stata introdotta la legge sul sonno del sistema Arenh, che richiede a EDF di vendere un quarto della sua produzione (quasi 100 TWh) ai concorrenti al costo. Pertanto, l’attuale fornitore di energia è costretto a rinunciare a una grande quantità della sua elettricità nucleare per competere a un prezzo La tariffa regolamentata è aumentata dall’11 marzo a 46,20 euro per megawattorache è un prezzo rotto rispetto al mercato in cui vengono scambiati i megawatt all’ora Il 22 agosto a più di … 600 euro.

In cambio di tale prezzo agevolato, gli operatori concorrenti si sono impegnati a trasferire al consumatore lo sconto concesso nelle loro tariffe. con l’obiettivo secondo a Comunicato stampa del Gabinetto emesso nel 2010E il “che ogni fornitore può offrire un prezzo competitivo ai propri clienti”.

Ma per Fabian Guy, gli operatori “Non giocare”“riflettere” Non la riduzione tariffaria offerta loro da Arenh. Il senatore, ad esempio, si rammarica di aver ricevuto diverse segnalazioni contro Ohm Energy, il distributore speciale che “crescerà [le prix] Il 60% dei suoi abbonamenti a settembreHa affermato che la legge sul potere d’acquisto approvata a luglio ha migliorato le condizioni offerte al settore privato aumentando il volume dell’Arena da 100 a 120 TWh.

Contattato da franceinfo, il gabinetto di Agnès Pannier-Runacher non rileva, per il momento, grosse carenze nell’Arenh. secondo Commissione di regolamentazione dell’energia (CRE)l’agenzia preposta al monitoraggio del mercato dei fornitori di energia, “La stragrande maggioranza dei consumatori è protetta e i fornitori hanno superato il Price Shield e forniranno ulteriori volumi di Arenh nel 2022”.. Tuttavia, il Dipartimento per la trasmissione dell’energia lo specifica “Il ministro ha chiesto alla CRE di studiare Casi trasmessi sui social network (per) garantire il rispetto delle regole del gioco.

Da parte sua, François Joubert, Direttore Generale di Ohm Energy, si difende da France Info di qualsiasi paese. “truffa” Ma lui conferma “Un forte aumento dei prezzi, circa il 60%”. Il capo del fornitore di energia elettrica giustifica questo aumento “condizioni di mercato” Non l’ho più visto da allora “Trent’anni”al prezzo di megawattora fino a “1.000 euro per questo inverno” (Nel suo ultimo rapporto, pubblicato a luglio,CRE annuncia il prezzo di un megawattora a 918 euro per il primo trimestre 2023).

READ  questi aiuti per il cambio di veicolo?

“Da agosto 2021 i prezzi sono aumentati”conferma Jack Percebois, perché Ripresa economica in Cina e nel mondo portando ad un “Elevata domanda di energia elettrica”. Non pensare “Il nucleare non c’è” insieme a La metà delle centrali elettriche è fuori servizio. In Francia, soprattutto per problemi di manutenzione. Inoltre, la guerra in Ucraina fa temere una carenza di gas utilizzato nella produzione di centrali termoelettriche.

Tuttavia, il sistema Arenh non mira a proteggere completamente i fornitori privati ​​dalle fluttuazioni dei prezzi nel mercato dell’energia. La domanda di Arenh da parte degli operatori, circa 160 TWh, è infatti superiore al tetto di legge fissato dalle autorità pubbliche (120 TWh). Infatti Arenh, con il suo prezzo contenuto, copre solo 50% del consumo Clienti di fornitori privati, spiega Jacques Perseboa. Questo costringe questi operatori a rifornire metà del mercato all’ingrosso, dove i prezzi sono esplosi. Ma mentre l’attuale inflazione è in gran parte causata dalle condizioni di mercato, sembra anche che la performance di Arenh non sia stata quella prevista a causa di alcuni impatti. “obliquo”Secondo l’economista.

Nel 2011, l’obiettivo dichiarato delle autorità pubbliche non era solo quello di incoraggiare l’emergere di fornitori alternativi di EDF, ma anche di incoraggiarli a diventare produttori di energia, in particolare investendo in nuove centrali elettriche o altra produzione di energia elettrica. ma soprattutto “I distributori non hanno giocato il gioco. A parte ENGIE e Total Energy, gli operatori privati ​​non hanno aumentato la loro capacità produttiva”Scusa, Jacques Perseboa.

Questa mancanza di investimenti spiega “Oggi siamo meno di quanto possiamo sopportareche essoDice l’economista. ‘Possiamo vedere chiaramente che concorrenti [d’EDF] Sono solo commercianti che comprano e vendono elettricità senza installare capacità di produzione, il che li rende dei veri attori del mercato”.commentato da Alain Andre, Segretario Generale, FO Energy and Mine.

READ  Elon Musk parla della possibilità di ricerca su Twitter

Un altro effetto negativo: un aumento del volume di Arenh da 100 a 120 TWh, confermato durante la votazione sulla legge sul potere d’acquisto di luglio, sarebbe molto costoso per EDF. Il fornitore pubblico deve ora acquistare ulteriori 20 TWh richiesti dal mercato a un prezzo 257 € al MWh. È stata quindi costretta a rivenderlo ai concorrenti a un prezzo regolamentato di 46,20 euro. Per coprire le sue perdite, l’EDF chiede un risarcimento allo stato per un importo di 8,34 miliardi di euro, secondo Comunicato stampa pubblicato il 9 agosto. Atteggiamento “molti” Il che rende Arenh un sistema “molto difficile”il giudice Fabian Jay.

Tuttavia, il Ministero della Transizione Energetica stima che l’aumento delle dimensioni di Arenh sia avvenuto “È stato possibile limitare la quantità di energia che i fornitori alternativi acquistano sui mercati e ridurre così l’eccesso che viene trasferito sulla bolletta elettrica dei propri clienti”. Resta il fatto che i concorrenti di EDF, sovvenzionati in qualche modo dallo storico fornitore francese, non sviluppando le proprie capacità produttive, contribuiscono all’attuale carenza di energia elettrica e quindi all’inflazione dei prezzi.

“Quando rivendi lo stesso prodotto due volte tramite intermediari, lo sei [mécaniquement] aumento di prezzoricorda Erwan Tyson, economista liberale del Sabines Institute, che, come altri, si interroga sui meriti dell’apertura di questo mercato alla concorrenza.