Agosto 9, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Accordo per aumentare lo stipendio medio del 16% nel 2022

Nel 2022 il personale di hotel e ristoranti potrà aggiungere un po’ di burro agli spinaci. A conclusione di un lungo giro di trattative, le organizzazioni datoriali di settore avevano messo sul tavolo delle trattative, giovedì 16 dicembre, una proposta di accordo con un aumento medio del 16,33% della scala salariale totale e minima. Bonus superiore al 5% del salario minimo di primo livello. La palla era ora nel campo dei sindacati, con un termine per la risposta al 17 gennaio.

La CFDT, uno dei principali sindacati del ramo, ha annunciato martedì 21 dicembre che firmerà l’accordo, considerando l’esito delle discussioni come “Progressi senza precedenti in questo settore”, e misurare “Sforzo del datore di lavoro” Anche se ha chiesto un aumento del 25%. Deve quindi essere ratificato senza l’opposizione ufficiale di altri sindacati. Non firmeremo, ma non ci opporremo. Non possiamo impedire ai dipendenti di toccare alcune monete”.Arnaud Schiemann, negoziatore CGT ha risposto.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Nelle aziende sale la tensione sui salari

Da parte FGTA-FO, le discussioni continuano, secondo il suo negoziatore, Nabil Azzouz: « Avremo una decisione definitiva nella prima settimana di gennaio. La nostra posizione attuale è di non firmare”.Lo conferma prima di aggiungerlo a titolo personale “Non credo sia ragionevole opporsi alla scala retributiva, non certo sufficiente per rilanciare il settore e rispondere al problema dell’occupazione, ma attesa dai dipendenti”.

Problema di gravità

C’è stata una forte pressione sulle organizzazioni dei datori di lavoro per rivalutare gli stipendi in questo settore, la cui portata non è stata modificata dal 2018. Il governo si è messo in prima linea. Dopo aver fornito un sostegno finanziario continuo all’intero settore per aiutarlo a superare la crisi del Covid-19 e i suoi lunghi mesi di chiusura amministrativa degli impianti, il ministro dell’Economia, Bruno Le Maire, ha espresso il desiderio di un accordo entro la fine dell’anno. Anche il ministro del Lavoro, Elizabeth Bourne, è intervenuto sulla scena. Senza dimenticare la copertura mediatica del tema dell’occupazione e delle condizioni di lavoro nel settore alberghiero e della ristorazione, che ha anche sostenuto le istanze dei sindacati.

READ  CAC40: retour à la case départ, rebond de tension in Ucraina - 23/02/2022 alle 16:48

In questo contesto teso, il primo incontro organizzato il 18 novembre non è riuscito a raggiungere un compromesso. Anche se Thierry Gregoire, un negoziatore dell’UMIH, denuncia, “Il Ministero del Lavoro è coinvolto in queste trattative”, La sua organizzazione, la principale organizzazione del settore, GNI, che rappresenta indipendenti, GNC (catene alberghiere) e SNRTC (ristorazione tematica e commerciale), ha finalmente migliorato la sua proposta per vincere l’accordo.

Hai il 31,49% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.