Luglio 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

800.000 lavoratori autonomi perderanno presto il proprio reddito

800.000 lavoratori autonomi perderanno presto il proprio reddito

Il nuovo decreto in vigore dal 1 luglio ridurrà il reddito di molti lavoratori autonomi.

A causa della loro situazione particolare, i liberi professionisti devono affrontare sfide finanziarie. Non possono detrarre alcuna spesa professionale dal loro fatturato, i loro contributi previdenziali e le tasse sono calcolati in base al fatturato e non ai guadagni, e presto un decreto influenzerà il reddito di alcuni di loro: autoimprenditori liberali.

In generale, i contributi vengono versati dai lavoratori autonomi per finanziare la loro protezione sociale. Una parte di questi contributi viene destinata al futuro pensionamento. La percentuale di detrazione varia a seconda della natura dell’attività professionale esercitata. Contattandoci, Grégoire Leclerc, presidente della FNAE (Federazione nazionale degli autoimprenditori), ci spiega che finora i liberali attualmente legati al sistema pubblico non hanno contribuito alle loro pensioni integrative.

Questa situazione punitiva deve essere corretta. In questo contesto è stato emanato il decreto n. 484 del 30 maggio 2024, che prevede un aumento graduale della tariffa di abbonamento per i lavoratori autonomi che esercitano un’attività indipendente e sono affiliati con il sistema pubblico. Attualmente è al 21,1%, salirà al 23,1% dal 1 luglio 2024, al 24,6% nel 2025, per finire al 26,1% a gennaio 2026. Cioè un aumento totale di 5 punti in un anno e mezzo . Lavoratori autonomi che esercitano una professione autonoma afferente al Cipav, Anche loro sono colpiti quest’estate da un aumento della tariffa di due punti (dal 21,20 al 23,20%).

Se questa misura permettesse effettivamente ai lavoratori autonomi di rafforzare i propri diritti alla previdenza complementare, porterebbe immediatamente alla riduzione del reddito di circa 600.000 lavoratori autonomi legati al sistema pubblico e di 200.000 lavoratori legati al sistema pubblico sistema.

READ  L'Italia ordina la confisca di 779 milioni di euro con l'accusa di evasione fiscale

Secondo le stime della FNAE, un aumento dei contributi al 26% potrebbe portare in media 75 euro di pensione aggiuntiva al mese. Per uno sforzo contributivo aggiuntivo di 500€ all’anno. Si tratta di un importo che Gregoire Leclerc descrive come redditizio per i lavoratori autonomi. Tuttavia, questo aumento dei contributi può creare difficoltà ai lavoratori autonomi, il cui reddito è spesso modesto e incerto.